Vicenza, la musica di Johannes Brahms apre le Settimane Musicali al Teatro Olimpico

Mercoledì 25 maggio si aprono ufficialmente le Settimane Musicali al Teatro Olimpico, con il primo appuntamento con la musica da camera. La serata inizia alle 19.45 nell’Odeo del Teatro Olimpico con una conversazione tra Sonig Tchakerian, violinista e curatrice del progetto artistico della musica da camera del Festival, e Alessandro Cammarano, musicista, promotore culturale e critico musicale, sul tema della “Ricerca della musica perfetta” che ben si addice ad un autore come Brahms, che distrusse molti dei propri lavori, per una riscrittura che li rendesse all’altezza della sua stessa ispirazione.
Alle 21 si terrà il concerto sul palco del Teatro Olimpico, protagonisti Sonig Tchakerian e Riccardo Zamuner (violino), Luca Ranieri ed Enrico Carraro (viola), Mario Brunello e Gianluca Pirisi (violoncello). Il concerto si realizza in collaborazione con i corsi di Alto Perfezionamento dell’Accademia Nazionale di S. Cecilia.
I Biglietti sono disponibili online, alla biglietteria del Teatro Comunale Città di Vicenza (dal martedì al sabato dalle 15 alle 18.15; tel 0444 324442) e al botteghino del Teatro Olimpico (dal martedì alla domenica dalle 11 alle 13.30 e dalle 14 alle 16; tel. 0444 222801).

Sonig Tchakerian, protagonista degli ensemble che si creano ad hoc per queste occasioni, afferma: «Per le Settimane Musicali invito straordinari artisti che spesso sono anche cari amici da molti anni. Arrivare sul palco dell’Olimpico è davvero un ritrovarsi, un riprendere un dialogo mai abbandonato. Musicalmente, la veste cameristica è la dimensione ideale per questo colloquio affettuoso, che nasce da un senso di familiarità e di grande rispetto reciproco, in una condivisione della grande musica. La stagione 2016 sarà dedicata alla musica da camera di Johannes Brahms, un autore che amo particolarmente, soprattutto per la straordinaria intimità della sua musica. La cura con cui suggerisce all’interprete lo stato d’animo che vuole esprimere è davvero unica. Indicative sono ad esempio le sue sfumature di “piano”, che può essere “a mezza voce”, “sottovoce”, “espressivo” “con anima” o, ancora “pianissimo grazioso e teneramente”: solo Brahms è così attento nel suggerire e voler condividere con chi lo esegue i misteriosi colori dei suoi stati d’animo.»
Il programma inizia con la proposta di un ascolto raro, ovvero il Quintetto per due violini, viola, due violoncelli, ricostruzione della versione originale del Quintetto per pianoforte e archi Op. 34, il cui manoscritto originale fu distrutto dallo stesso autore.
Nella ricostruzione di Sebastian Brown questa partitura recupera una sonorità e una emotività assolutamente diversa rispetto quella cui è abituato il pubblico. A seguire, il Sestetto n. 2 in sol maggiore Op. 36, eseguito per la prima volta a Boston nel 1866, prevede in organico due violini, due viole e due violoncelli, e si compone di quattro movimenti: Allegro non troppo, Scherzo – Allegro non troppo – Presto giocoso, Poco adagio, Poco allegro.
Accanto a Sonig Tchakerian ci sarà Mario Brunello, ospite abituale del Festival, un artista dalla straordinaria carriera internazionale, iniziata nel 1986, noto anche al grande pubblico per le sue sperimentazioni di nuovi canali di comunicazione che avvicinano gli ascoltatori ad un’idea multiforme del far musica. Suona il prezioso violoncello Maggini dei primi del Seicento appartenuto a Franco Rossi. Luca Ranieri è Prima viola dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI dal 1999 e, vincitore del concorso internazionale, è stato scelto da Riccardo Muti come Prima viola dell’ Orchestra del Teatro alla Scala di Milano. Ha suonato come solista con l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai e collabora con le prime parti dei Berliner Philharmoniker. È Direttore Artistico del Garda Lake Music Master e della Filarmonica del Festival Pianistico Internazionale di Brescia e Bergamo.
Enrico Carraro, nato nel 1985, già Prima viola dell’orchestra da camera dei Pomeriggi Musicali di Milano, è oggi Prima viola presso l’Orchestra d’opera e la Filarmonica del Teatro Regio di Torino. Collabora come prima parte con l’Orchestra del Teatro La Fenice di Venezia, l’Orchestra da camera di Padova e del Veneto, l’Orchestra d’Archi Italiana e l’Orchestra Filarmonica di Torino. È diplomato in violino e viola presso i Conservatori di Padova e di Vicenza e deve la sua formazione musicale a Sonig Tchakerian e Davide Zaltron. Suona una viola Giovanni Paolo Maggini 1625, gentilmente concessagli dalla Fondazione Pro Canale.
Un elemento ricorrente, e cardine del Festival, è il coinvolgimento di giovani talenti, che suonano assieme ai maestri. Gianluca Pirisi (1989) si diploma in violoncello nell’ottobre del 2007, con il massimo dei voti e la lode. Nel 2010 consegue il diploma con il massimo dei voti nella classe di musica da camera dell’Accademia di Santa Cecilia di Roma sotto la guida di Rocco Filippini, dal quale viene seguito per tre anni all’interno dell’Accademia Stauffer di Cremona. Da settembre 2013 è primo violoncello dell’Orchestra da Camera di Perugia. Nel novembre 2010 è risultato primo classificato alle audizioni dell’orchestra Haydn di Trento e Bolzano. È stato violoncello dell’orchestra da camera “I Solisti di Perugia” e dell’Orchestra del Festival di Kusatsu dove ha suonato in presenza dell’imperatore del Giappone. Nell’agosto 2013 partecipa al corso estivo del Sommer Akademie di Salisburgo al Mozarteum, nella classe di Umberto Clerici che gli offre la possibilita di suonare la Suite di Cassado per violoncello solo nella prestigiosa Wiener Saale del Mozarteum.
Riccardo Zamuner, diciottenne napoletano, è diplomato al Conservatorio “San Pietro a Majella” , con il massimo dei voti, la lode e la menzione speciale, e attualmente frequenta l’Accademia di Alto Perfezionamento Stauffer di Cremona in classe del M° Salvatore Accardo e il corso di alto perfezionamento di violino con il Maestro Sonig Tchakerian presso l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma. Nel 2013 ha ricevuto il premio “Civicrazia Napoli per l’eccellenza” per la sezione Musica. Fa parte dell’Orchestra del Conservatorio San Pietro a Majella di Napoli con la quale ha suonato sotto la direzione di Riccardo Muti.

9 su 10 da parte di 34 recensori Vicenza, la musica di Johannes Brahms apre le Settimane Musicali al Teatro Olimpico Vicenza, la musica di Johannes Brahms apre le Settimane Musicali al Teatro Olimpico ultima modifica: 2016-05-24T02:28:10+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento