Accordo tra il Venezia F.C. e l’ADS Pro Venezia

E’ stata una delle prime questioni in ambito sportivo di cui la Giunta, da poco insediata, si era occupata: A distanza di nemmeno un anno, l’accordo quadriennale tra il Venezia F.C. e l’ASD Pro Venezia è una realtà. Questo è quanto è emerso dall’incontro che si è svolto a Ca’ Farsetti, alla presenza del capo di Gabinetto del sindaco, Morris Ceron, del presidente della Commissione consiliare allo Sport, Matteo Senno, della consigliera Francesca Rogliani, dell’assessore alle Politiche educative, Paolo Romor, del dirigente comunale allo Sport, Manuele Medoro, del direttore generale e del responsabile del Settore giovanile del Venezia F.C., Dante Scibilia e Mattia Collauto, e del presidente dell’ASD Pro Venezia, Flavio Rossetto.

“E’ davvero un grande piacere per l’Amministrazione che sia stato raggiunto questo risultato – ha commentato Morris Ceron – perché siamo attenti e sensibili al mondo dello sport e soprattutto perché riguarda i giovani: offre infatti ai ragazzi la possibilità di crescere, di sentirsi partecipi di un progetto sportivo più ampio e di avere, un domani, la possibilità di emergere nella loro città. A noi piace che tra dilettantismo e professionismo non ci siano rivalità e crediamo che per essere forti sia necessario fare massa critica. Accordi come questo non solo rendono più forti le società dilettantistiche, che sicuramente vivono un momento di notevole difficoltà a livello di risorse, ma più in generale lo sport e la città intera. Mi auguro che anche altre società sportive del territorio mettano da parte le piccole rivalità, perché è in ballo il futuro dei ragazzi. E si sa che, spesso, chi ha fatto sport da giovane ha avuto anche soddisfazioni nella vita.”

L’accordo prevede fondamentalmente uno scambio reciproco tra le due società e rappresenta una grande occasione per l’ADS Pro di imparare dall’esperienza del Venezia F.C. Verrà fatta formazione, ci sarà collaborazione tra allenatori e staff per la supervisione e la crescita tecnica dei giovani calciatori e le attività verranno svolte nelle strutture di entrambe le società. In questo senso Scibilia ha parlato dello Stadio Penzo come la “casa del calcio di Venezia”, che vuole essere sempre aperta a tutti.

Soddisfazione per l’accordo è stata espressa anche da Senno, per il quale è fondamentale che le società locali facciano rete tra loro e che puntino sulla crescita tecnica dei ragazzi, e dall’assessore Romor, per il quale la condivisione valori e metodologie offre delle chance in più ai giovani appassionati di calcio. Il consigliere D’Anna, delegato dal sindaco alle Relazioni con le società sportive, ha infine ribadito che l’Amministrazione comunale, pur consapevole delle difficoltà del settore, vuole continuare a facilitare gli accordi tra le società sportive locali.

Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone