Milano, il Comune instaura azione di risarcimento danni

Con riferimento al processo in corso a Milano e relativo al primo filone di indagini per le devastazioni avvenute nel corso della manifestazione del primo maggio 2015, il Comune di Milano precisa di aver depositato lo scorso 27 aprile formale istanza, ampiamente motivata, al Gip di essere ammesso nel procedimento penale come parte offesa, in quanto, per mero errore, non era stata notificata al Comune la data di fissazione della prima udienza. Il Giudice non ha finora dato risposta a tale istanza, malgrado sia del tutto evidente che il Comune, proprio come parte offesa, aveva diritto alla notifica del decreto di giudizio immediato e, quindi, della data fissata per l’inizio del procedimento.
Ciononostante, il Comune di Milano – qualora non vi fosse una risposta positiva sulla rimessione in termini come previsto dalla legge – ha già predisposto tutti gli atti necessari per instaurare una azione di risarcimento dei danni in sede civile nei confronti degli attuali quattro imputati per i quali è stata fatta dal P.M. richiesta di condanna.
Poiché risulta che sono ancora in corso indagini riguardanti oltre 300 indagati, l’Amministrazione comunale ha depositato formale richiesta alla Procura di essere individuata come persona offesa nei prossimi procedimenti penali riguardanti i danni provocati durante la manifestazione del primo maggio 2015 così da potersi costituire parte civile nei confronti di tutti gli imputati per i quali sarà richiesto il rinvio a giudizio o vi sarà il giudizio immediato.

Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone