Il 7 e 8 maggio tornano a Vicenza le Invasioni Digitali

Per il quarto anno consecutivo il 7 e l’8 maggio ritorneranno a Vicenza le “Invasioni Digitali”, iniziativa nata nel 2013 sul web e diventata virale in pochissimo tempo, con lo scopo di diffondere il patrimonio culturale nel mondo di internet e dei social network.
Nel 2015, a Vicenza, “Invasioni Digitali” aveva riscosso notevole successo grazie anche alla collaborazione con un gruppo di Instagramers provenienti dal nord Italia, che visitarono in un pomeriggio tutti i musei del circuito museale vicentino: le fotografie di quella giornata totalizzarono oltre mezzo milione di visualizzazioni su Instagram, il social network che diffonde immagini in tutto il mondo tra più di 300 milioni di iscritti attivi al mese.
Quest’anno protagonista delle Invasioni Digitali sarà Andrea Palladio, con un programma che prevede due visite guidate gratuite che racconteranno ai partecipanti la storia del grande architetto, autore dei Quattro Libri dell’Architettura, e di due capolavori che portano la sua firma: Teatro Olimpico e Palazzo Chiericati.
I partecipanti saranno invitati a scattare fotografie e a condividerle sui social network con gli hashtag #museivicenza #invasionidigitali #PalazzoChiericati #TeatroOlimpico #AndreaPalladio.
Le due visite guidate, per un massimo di 30 persone per gruppo, si svolgeranno sabato 7 e domenica 8 maggio alle 15.30 e dureranno 1 ora e mezza circa.
Prenotazioni sul sito www.invasionidigitali.it (per il 7 maggio al link: http://www.invasionidigitali.it/invasione/invasioni-digitali-andrea-palladio-tra-palazzo-chiericati-e-teatro-olimpico-2/
per l’8 maggio: http://www.invasionidigitali.it/invasione/invasioni-digitali-andrea-palladio-tra-palazzo-chiericati-e-teatro-olimpico/).

9 su 10 da parte di 34 recensori Il 7 e 8 maggio tornano a Vicenza le Invasioni Digitali Il 7 e 8 maggio tornano a Vicenza le Invasioni Digitali ultima modifica: 2016-04-30T01:51:09+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento