Al teatro Mabilia presentazione della “Fondazione Venezia Servizi alla Persona”

Giovedì 28 aprile, alle ore 16, al teatro Mabilia all’Antica Scuola dei Battuti in via Spalti 1 a Mestre, si svolgerà l’assemblea mensile delle associazioni aderenti alla rete Spazio Mestre Solidale, coordinate dall’area Città Solidale del Comune di Venezia. L’incontro sarà aperto anche alla cittadinanza, per l’argomento specifico che verrà trattato.

Luca Brussato, infatti, presenterà la “Fondazione Venezia Servizi alla Persona”, di cui è direttore: fondata nel 2014, dalle Ipab “Antica Scuola dei Battuti – Ente per la gestione di Servizi alla Persona” e “Istituzioni di Ricovero e di Educazione – Ire”, la Fondazione fa parte dell’Albo comunale dei soggetti ai quali i cittadini possono richiedere l’erogazione degli interventi di assistenza tutelare e cure familiari, cioè le prestazioni socio-assistenziali previste dal “Regolamento dei servizi di Assistenza Tutelare e Cure Familiari”.

Compiti della Fondazione sono fornire alle persone non autosufficienti interventi socio sanitari domiciliari da parte di personale qualificato; migliorare la qualità di vita delle persone parzialmente autosufficienti, non autosufficienti e delle loro famiglie attraverso un supporto individuale; favorire il più possibile la permanenza a casa delle persone non autosufficienti. Si tratta pertanto di una organizzazione importante da conoscere e con cui entrare in relazione per le associazioni di volontariato del territorio.

Rappresentanti di “Telefono amico” racconteranno inoltre la loro esperienza di collaborazione con la Fondazione, che sta mostrando esiti interessanti dal punto di vista dell’attenzione agli utenti anziani seguiti a domicilio.

9 su 10 da parte di 34 recensori Al teatro Mabilia presentazione della “Fondazione Venezia Servizi alla Persona” Al teatro Mabilia presentazione della “Fondazione Venezia Servizi alla Persona” ultima modifica: 2016-04-27T03:51:02+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento