Milano, Parco Trotter come rinasce l’ex Convitto

Si è tenuta al Parco Trotter la presentazione del futuro dell’ex Convitto. Grazie all’avvio dei lavori e al percorso partecipato che ha coinvolto centinaia di cittadini del quartiere, l’edificio storico che dagli anni Venti è stato parte del complesso educativo tornerà al suo antico splendore, diventando – come l’hanno definita i cittadini di zona – la nuova “Casa del quartiere”.

Il progetto prevede che questi spazi riqualificati ospiteranno 375 ragazzi della scuola media (attualmente sono 295 in altri padiglioni) in 15 nuove classi su un’area di 2.540 metri quadri e spazi per attività aperte al quartiere (2.630 metri quadri). Al progetto di riqualificazione dell’ex Convitto si affianca anche il recupero dell’ex Piscina che, grazie ai fondi del Bilancio Partecipato, diventerà un campo sportivo multifunzionale.

“Il Trotter rinasce e ne siamo davvero orgogliosi. I lavori nel cantiere proseguono e l’ex Convitto sarà nuovamente a disposizione degli studenti e dei cittadini a partire da settembre 2017, dopo trent’anni di totale abbandono. Sono davvero tantissime le persone che dobbiamo ringraziare – ha affermato il Sindaco di Milano Giuliano Pisapia – per aver reso possibile questo sogno, da Fondazione Cariplo alle centinaia di cittadini che hanno preso parte al percorso partecipato. Oggi è stato fatto un passo avanti ulteriore con la firma di una lettera d’intenti, con cui ci auguriamo che le eventuali risorse che saranno risparmiate dai lavori per riqualificare l’ex Convitto vengano utilizzate per rigenerare altri angoli speciali del Trotter, come l’edificio ex Acqua Potabile e la adiacente piazzetta Mosso”.

“Abbiamo creduto in questo progetto fin dal primo minuto, perché siam convinti che le città debbano valorizzare le periferie. È in questi luoghi – ha dichiarato Giuseppe Guzzetti,  Presidente di Fondazione Cariplo, che ha co-finanziato con 8 milioni di euro la riqualificazione della struttura – che si costruiscono comunità coese e si può e si deve fare integrazione. Il Trotter è un progetto simbolo perché parte da un luogo, un polmone verde dove si svolgono attività legate alla cultura, al tempo libero, alla condivisione, momenti che creano coesione sociale. Quando si decise di intervenire con questo progetto, viale Padova era una zona ‘difficile’; le nostre periferie devono sempre più essere luogo di incontro, per evitare che siano occasioni di scontro”.

Per confrontarsi e scegliere quali fossero le attività sociali più adatte da ospitare negli spazi dell’ex Convitto-nuova ‘Casa del quartiere’, tra settembre e dicembre 2015 si è svolto un percorso di progettazione e confronto con i cittadini della zona. Il percorso ha portato a 32 incontri di progettazione partecipata per l’uso degli spazi dedicati alle attività aperte al quartiere, a 5 tavoli di lavoro, alla compilazione di questionari, ai ‘Lunedì del Trotter’, alla nascita di una ‘Stanza del progetto’ aperta al quartiere, all’adesione di negozi e luoghi di aggregazione sociale che si sono fatti “vetrina” delle iniziative, a 1.000 cartoline informative distribuite nelle case, a newsletter e a 2 siti internet dedicati.

In particolare, sono stati indicati come utili per il quartiere laboratori di manualità, artigianato, creatività per giovani e adulti, sale incontro per attività musicali, culturali e formative, sportelli informativi, aree ricreative e ricettive: tutti spazi pensati come ‘flessibili e adattabili’ alle esigenze della zona.
Sabato mattina, 23 aprile, le cesate del cantiere ospiteranno una “mostra” particolare, che racconta gli sviluppi dei lavori e propone un’immagine del futuro dell’ex Convitto.

Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone