Crotone, Circo in Pediatria all’Asp provinciale. La clown terapia per fare sorridere i bambini ricoverati

medici e responsabili di associazioneIl sorriso di un bambino rende felice tutti, il sorriso di un bambino ricoverato rende ancora più felice i propri genitori. Presso il reparto di Pediatria dell’Ospedale di Crotone su iniziativa del primario Francesco Paravati e del direttore sanitario Angelo Carcea, con la collaborazione dell’Associazione “E’ Solidarietà” il cui presidente onorario è il giudice Raffaele Lucente, è stato accettato dall’Azienda di fare entrare i clown del Circo Royal, presente a Crotone in questi giorni, presso il reparto di Pediatria al fine di trascorrere qualche ora insieme ai ragazzi e regalargli un sorriso con la loro rappresentazione. “È, come ha detto il primario, un processo di umanizzazione sanitario per un ambiente favorevole al paziente per evitare di rendere drammatico il ricovero”.

Il bambino ricoverato in ospedale deve vivere come se fosse in mezzo ai familiari ed ai compagni e non soffrire in quei momenti in cui è sottoposto alle cure mediche. Occorre mettere il ragazzo in condizioni di comunicare con il mondo esterno. Non solo spettacolo, nel reparto di Pediatria dell’Asp di Crotone è presente, cinque giorni/settimana, l’insegnante, Lucia Anna La Vecchia, per la continuità scolastica del ragazzo.

“Il ragazzo è, in certi casi, l’anello debole della società con riferiemento a quei bambini abbandonati che avrebbero bisogno di essere curati e noi – ha affermato il dott. Paravati – ci prendiamo anche cura di questi ragazzi quando giungono in ospedale senza guardare né da dove arrivano, né il colore della loro pelle”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Crotone, Circo in Pediatria all’Asp provinciale. La clown terapia per fare sorridere i bambini ricoverati Crotone, Circo in Pediatria all’Asp provinciale. La clown terapia per fare sorridere i bambini ricoverati ultima modifica: 2016-04-21T18:56:44+00:00 da Giuseppe Livadoti
Condividi su:Share on Facebook1Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone