Rionero, dibattito sul volume di Yvan Sagnet e Leonardo Palmisano dal titolo “Ghetto Italia”

Il 22 aprile, l’Arci di Basilicata, la Flai CGIL, la Filef Basilicata presentano e discutono il volume di Yvan Sagnet e Leonardo Palmisano dal titolo “Ghetto Italia”. Il volume sarà presentato a Rionero in Vulture presso il Centro Sociale. Il libro racconta storie di immigrati che lavorano in agricoltura. Sono storie di braccianti immigrati vittime di un sistema che ha come unico obiettivo lo sfruttamento totale della persona. Niente è garantito nei riguardi degli immigrati. Non è garantita soprattutto una vita dignitosa da essere umano. Vivono in ghetti a pagamento in cui tutto ha un presso e niente è dato per scontato, nemmeno un medico in caso di bisogno. La realtà dei braccianti immigrati è taciuta dall’intero sistema sociale. E’ una realtà amara quella disegnata dagli autori che mette in evidenzia le tante contraddizioni dell’attuale sistema economico. È come dicono gli autori “un reportage fatto di storie raccontate da chi vive in questa situazione al limite della sopportazione fisica e psicologica, un incredibile viaggio nei ghetti disseminati per l’Italia da nord a sud. La mappa di un paese ridisegnato da razzismo, ingiustizia e indifferenza”.

Il libro sarà presentato alle ore 17.30. Dopo un saluto del Sindaco di Rionero, Antonio Placido, si prevedono gli interventi di Ottorino Arbia, Arci Basilicata, Antonio Sanfrancesco, Filef Basilicata, Pietro Simonetti, Task Force Immigrati Regione Basilicata, Vincenzo Esposito, Flai CGIL, Giuseppe Grieco, Caritas Basilicata, Giovanni Barozzino, Senatore SI. Dopo un breve dibattito, le conclusioni sono a cura di Yvan Sagnet, uno degli autori del testo.

9 su 10 da parte di 34 recensori Rionero, dibattito sul volume di Yvan Sagnet e Leonardo Palmisano dal titolo “Ghetto Italia” Rionero, dibattito sul volume di Yvan Sagnet e Leonardo Palmisano dal titolo “Ghetto Italia” ultima modifica: 2016-04-20T00:02:54+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento