Gioia Tauro, sequestrati 215 milioni all’imprenditore Alfonso Annunziata

Alfonso Annunziata è stato arrestato nel marzo del 2015 nell’operazione “Bucefalo” con l’accusa di associazione mafiosa. Il processo si sta celebrando davanti ai giudici del Tribunale di Palmi. Secondo quanto aveva scritto il gip di Reggio Calabria nell’ordinanza di custodia cautelare, Annunziata “non è un imprenditore vittima, non è stato e non è costretto a favorire la cosca. Al contrario è un soggetto intraneo che si presta da oltre 20 anni volontariamente e consapevolmente al perseguimento degli scopi imprenditoriali ed economici della cosca”.

Oggi i Finanzieri del Comando provinciale di Reggio Calabria, del Nucleo speciale Polizia Valutaria e del Servizio Centrale I.C.O. di Roma Beni, hanno sequestrato beni per 215 milioni di euro, tra Calabria e Campania, nei confronti dell’imprenditore Alfonso Annunziata, ritenuto dagli investigatori il “cuore imprenditoriale” della cosca Piromalli di Gioia Tauro. Tra i beni c’è anche il più grande parco commerciale della Calabria, il Parco “Annunziata”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Gioia Tauro, sequestrati 215 milioni all’imprenditore Alfonso Annunziata Gioia Tauro, sequestrati 215 milioni all’imprenditore Alfonso Annunziata ultima modifica: 2016-04-18T13:14:56+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento