Taranto, monsignor Filippo Santoro annulla la messa in suffragio di Benito Mussolini e Giovanni Gentile

L’iniziativa fa discutere e divide il capoluogo jonico. Alla fine è intervenuto direttamente l’arcivescovo di Taranto. Monsignor Filippo Santoro ha annullato la messa in suffragio di Benito Mussolini e Giovanni Gentile che si sarebbe dovuta tenere domani nella parrocchia del Sacro Cuore.

Una nota precisa che “fatto salvo che la messa in suffragio non si nega ad alcun peccatore è altresì vero che quella in questione assume una particolare connotazione ideologica” e questo ha indotto il vescovo a disporre che la celebrazione venga annullata.

Mussolini a Campo Imperatore, appena "liberato" dai Tedeschi, in una foto con liberatori e carcerieri

Mussolini a Campo Imperatore, appena “liberato” dai Tedeschi, in una foto con liberatori e carcerieri

La messa era stata annunciata da un manifesto a firma dei “missini di terra jonica”. La messa in suffragio del Duce ha provocato la reazione di associazioni e movimenti che hanno fatto “appello alla coscienza democratica delle autorità civili e religiose locali e vigilerà affinché fermino questa improvvida iniziativa”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Taranto, monsignor Filippo Santoro annulla la messa in suffragio di Benito Mussolini e Giovanni Gentile Taranto, monsignor Filippo Santoro annulla la messa in suffragio di Benito Mussolini e Giovanni Gentile ultima modifica: 2016-04-17T14:41:24+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook12Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone