Roma, Scuola Popolare di Musica di Testaccio i suoi primi 40 anni

E’ nata nel lontano 1976, la Scuola Popolare di Musica di Testaccio. Anni di grande fermento musicale a Roma, gli anni del Folkstudio e dell’esplosione del jazz nella Capitale. La SPMT chiamò a raccolta il fior fiore della nouvelle vague capitolina e mostri sacri della ricerca etnomusicologica come Giovanna Marini, ponendosi da subito come riferimento per lo sviluppo di idee e nuove prassi in tre ambiti: musica afroamericana, musica popolare tradizionale, didattica musicale non accademica.

“Quarant’anni suonati”, come dicono loro. Con tutti i nomi che contano, nel panorama romano della musica non commerciale, che sono passati di qui per suonare, dialogare, scambiare e fondere esperienze, insegnare, divulgare, scoprire talenti. Inevitabile la festa del quarantennale.

E la festa è domenica 10 aprile, all’ex Mattatoio (sede della Scuola) in piazza Orazio Giustiniani 4A e vie limitrofe, al mattino (dalle 9.30 alle 12.30) e nel pomeriggio (dalle 16 alle 19). Si comincia con quattro formazioni della scuola (Banda SPMT, Stradabanda, Testaccio Jazz Orchestra, Orchestra di Musica Tradizionale) che riempiono di musica due chilometri dellaMaratona di Roma. Poi si passa al pomeriggio con allievi e insegnanti che si propongono nell’androne della Scuola e lungo i viali dell’ex Mattatoio. Infine, alle 18, una delle specialità esclusive SPMT, l’Orchestra Aperta diretta da Eugenio Colombo: partitura libera e metodo delle sound directions per consentire a chiunque, singoli e gruppi, di partecipare. “Senza limiti di età, sesso, livello musicale, gusto artistico e professionalità”, specifica la Scuola.

Dalle 16 alle 21, nella sala concerti trasformata in spazio espositivo, quarant’anni di storia in foto, video, interviste, documenti.

Ingresso libero.

9 su 10 da parte di 34 recensori Roma, Scuola Popolare di Musica di Testaccio i suoi primi 40 anni Roma, Scuola Popolare di Musica di Testaccio i suoi primi 40 anni ultima modifica: 2016-04-09T01:18:37+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook2Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn1Email this to someone