Parma, Parco della Musica: la Regione finanzia il completamento

I principali finanziatori delle opere in corso di realizzazione, Comune e Regione, porteranno a compimento il “sogno” della Fondazione Toscanini di trovarsi unita in un unico luogo dopo trent’anni di peregrinazioni fra uffici e spazi musicali e consentiranno a Parma di avere un polo convegnistico di tutto rispetto all’interno di un parco.

Accompagnato dal sindaco Federico Pizzarotti, il presidente della Regione è stato accolto da Luigi Ferrari, amministratore unico del neonato Consorzio Paganini, che gestisce l’intero polo musicale all’ex Eridania, e da Luciano Pasquini, presidente della Fondazione Toscanini, partner e futuro “inquilino” del comparto.

“La Regione – ha affermato Stefano Bonaccini al termine della visita – considera la cultura un investimento per i nostri figli, tanto che abbiamo raddoppiato il capitolo di bilancio portandolo a 35 milioni l’anno. Qui – ha aggiunto – c’è qualità ed eccellenza. E detto da uno che viene dalla città di Pavarotti può voler dire qualcosa”.

Infatti nel corso della visita in città, il presidente ha anche annunciato che la Regione finanzierà il completamento del complesso, con la futura costruzione di un nuovo corpo di fabbrica a servizio della Fondazione, ma anche dell’utilizzo convegnistico del comparto.

“Quello della Fondazione Toscanini è stato un percorso travagliato – ha confermato il sindaco Federico Pizzarotti – ma finalmente, grazie a i fondi della Regione (circa 1.800.000 euro) e allo stanziamento del Comune sul Parco (1.100.000 euro) siamo vicini alla meta. E il tutto sarà completato grazie all’impegno annunciato oggi dal presidente Bonaccini per l’ampliamento del centro di produzione musicale, a completamento del sistema”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Parma, Parco della Musica: la Regione finanzia il completamento Parma, Parco della Musica: la Regione finanzia il completamento ultima modifica: 2016-03-31T03:41:43+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone