Bologna, riqualificazione di spazi pubblici occupati abusivamente, tre interventi in tre giorni

Tre interventi di riqualificazione e rigenerazione di spazi pubblici in città occupati abusivamente, nel giro degli ultimi tre giorni. Gli interventi di sgombero sono stati coordinati dalla task force antidegrado guidata dall’assessore Riccardo Malagoli. Sul campo i volontari delle associazioni El Ihsan e Planimetrie Culturali.

Nello specifico è stata smantellata un’invasione di terreno in via del Lazzaretto da parte di alcuni nomadi che, facendosi scambiare per gli ospiti del vicino centro sociale, a pochi metri dall’entrata della Facoltà di Ingegneria, avevano approfittato della folta vegetazione per costruire baracche e altre strutture. È dunque stato predisposto un intervento radicale su tutta la zona, rimuovendo le 5 strutture e riconsegnando alla comunità ben 6.000 mq. di aree verdi.

Nella stessa mattinata è stata messa in sicurezza una struttura in via Fattori, nelle adiacenze del parco del Lungoreno, chiudendo un varco e ripulendo tutta l’area perimetrale interna della palazzina (in carico al Comune).

L’ultimo intervento, stamattina, ha visto l’allontanamento volontario degli occupanti dell’ex nido Turrini, in via Menghini, nell’estrema periferia di Borgo Panigale, avvenuto in tempi brevissimi dal primo contatto con gli operatori dell’Amministrazione comunale.

Un sentito ringraziamento è stato rivolto dal Comune alle due associazioni che, come già fatto in altre azioni, forti del Patto di collaborazione siglato con l’Amministrazione, hanno fornito una preziosa collaborazione nella riqualificazione e rigenerazione degli spazi degradati. Ringraziamenti anche per Hera, Polizia municpale, Settori Manutenzione e Verde.

9 su 10 da parte di 34 recensori Bologna, riqualificazione di spazi pubblici occupati abusivamente, tre interventi in tre giorni Bologna, riqualificazione di spazi pubblici occupati abusivamente, tre interventi in tre giorni ultima modifica: 2016-03-25T12:41:10+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook1Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn1Email this to someone

Lascia un commento