Aosta, a 17 anni dal rogo del tunnel si rinnova il cordoglio della Regione

Diciassette anni fa la Valle d’Aosta ha dovuto affrontare uno dei momenti più tristi e più difficili della propria storia: il rogo del Tunnel del Monte Bianco è stata une ferita per molte famiglie e, più in generale, per tutta la comunità valdostana. Il 24 marzo di ogni anno è quindi doveroso per le istituzioni rinnovare il cordoglio alle famiglie delle vittime, così come è giusto ricordare l’impegno e il coraggio dei tanti che sono intervenuti in quei terribili momenti per prestare soccorso. Tra questi eroi, voglio citare Elio Marlier, morto alcuni mesi fa, al quale oggi va un pensiero speciale.

Così il Presidente della Regione Augusto Rollandin rinnova oggi, 24 marzo 2016, nell’anniversario dell’incidente all’interno del Tunnel del Monte Bianco il cordoglio della Valle d’Aosta per le 39 vittime.

Proprio oggi – aggiunge il Presidente Rollandin – si trovano ad Aosta per una visita istituzionale il Capo Dipartimento della Protezione civile Fabrizio Curcio, il Capo del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Gioacchino Giomi, accompagnati dal Direttore della Direzione centrale per l’emergenza e il soccorso tecnico Giuseppe Romano e dal Direttore della Direzione centrale della formazione Emilio Occhiuzzi. Una visita che testimonia l’attenzione che il sistema del soccorso nazionale volge alla Valle d’Aosta che, in questi 17 anni, ha saputo trarre dal terribile incidente del Monte Bianco indicazioni per arrivare a nuove soluzioni di sicurezza, in primis attraverso elevati standard di formazione. Un sistema di formazione possiamo dire di eccellenza che nell’incontro di oggi tra i referenti nazionale di protezione civile e dei vigili del fuoco e i nostri rappresentanti regionali, Silvano Meroi e Pio Porretta, verranno analizzati perché ritenuti di interesse dall’intero sistema e, per noi, motivo di orgoglio.

Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone