Pisa, abbattimento di nove platani morti di cancro colorato e di altre quattro piante pericolanti

Alberi: continuano gli interventi per garantire la sicurezza. Operai in azione sul lungarno D’Annunzio, nell’ultimo tratto a Marina, per abbattere tre platani morti di cancro colorato, intervento richiesto dal Servizio Fitosanitario Regionale.

I lavori, effettuati da Eurambiente gestore del global del verde del Comune di Pisa, continuano. Effettuato l’abbattimento di due tigli pericolanti in via Pietrasantina (all’incrocio con via del Marmigliaio). Dalle indagini strumentali uno è risultato cavo e l’altro ha marcescenze irrecuperabili. Al loro posto sarà piantato un bagolare in continuità con quanto già fatto in via del Marmigliaio.

Interventi, sempre richiesti dal Servizio Fitosanitario Regionale, su platani morti a causa del cancro colorato: tre in via Le Rene, uno su lungarno Leopardi (ex-Cosimo I), uno in via II settembre. Intervento anche in via Cecco di Pietroper un platano pericolante segnalato dai Vigili del Fuoco.

L’ultimo intervento è in via Garibaldi, nel tratto vicino all’Alberghiero, per quattro pioppi. Due di questi sono inclinati e pericolanti e quindi da abbattere, gli altri sono solo da potare.

Tutti gli alberi abbattuti saranno rimpiazzati: è in corso la valutazione per scegliere le essenze adeguate. “Purtroppo il nostro patrimonio arboreo in ambito urbano non sempre è adeguato per tipologia, è generalmente abbastanza vetusto e non sempre impiantato con le giuste distanze. Inoltre le tante infestazioni alle diverse specie (pini, palme, platani) stanno costringendo ad alcuni abbattimenti per eliminare le condizioni di rischio –  così il vice sindaco Ghezzi con delega al verde pubblico – Stiamo completando, attraverso il gestore del global service, l’analisi di rischio dell’intero patrimonio verde del comune e questo ci consentirà di impostare le politiche della cosiddetta riforestazione urbana dei prossimi venti anni”.

Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone