Parma, musica e convegni al parco ex Eridania

Il cantiere procede spedito: i lavori dovrebbero essere ultimati entro l’estate e la Fondazione Toscanini, prima di Natale sarà presumibilmente nella sua nuova casa nel bel mezzo del Parco ex Eridania, con tutte le sue funzioni per la prima volta unificate in 15 anni di “residenza” a Parma.

E, sempre nello stesso luogo, grazie ad una inedita ma funzionale abbinata fra business e cultura ci sarà un Centro Congressi di medie dimensioni, modulare, attrezzato di tutto punto e molto flessibile nell’utilizzo, con una sala da 780 posti (l’Auditorium Paganini), una da 450 posti (la sala Ipogea che sarà finalmente presto attrezzata), e una sala dell’ex Centro Congressi da 100 posti. A queste si aggiungono le due sale prova polivalenti (utilizzabili a supporto  per i convegni)   da 180 e 400 metri quadrati.

Il cantiere, in piena attività, è stato oggetto di un sopralluogo con la stampa al quale hanno preso parte il sindaco Federico Pizzarotti, l’assessore ai lavori pubblici Michele Alinovi, l’amministratore unico del   Consorzio Paganini  (gestore della struttura) Luigi Ferrari,  il presidente della Fondazione ToscaniniLuciano Pasquini e il direttore della Fondazione Teatro Regio Anna Maria Meo, tutti in rappresentanza di enti che compongono il Consorzio, nato da poco, che già ha impresso una svolta positiva nella gestione del complesso.

La struttura preesistente (il vecchio centro congressi) subirà dei mutamenti radicali: l’autorimessa

verrà rialzata di un metro per consentire l’accesso in sicurezza dei mezzi pesanti che trasportano il

materiale di produzione musicale; sopra l’autorimessa è in costruzione una nuova ampia sala prove polifunzionale, con un ambiente acustico simile a quello del vicino auditorium; . Il primo piano sarà ristrutturato integralmente e destinato all’attività amministrativa della Fondazione Toscanini, che riuscirà così a concentrare tutte le sue funzioni in un’unica sede. Dentro l’edificio troverà poi posto la sala congressi piccola (100) posti, che si aggiunge alla nuova sala ipogea e all’auditorium. Oltre ai lavori edilizi – come ha precisato Luigi Ferrari – verrà realizzato un sistema di controllo del clima e dell’illuminazione che consentirà di tagliare notevolmente i costi di gestione  e l’impatto ambientale dell’intero complesso. La consegna della nuova sede della Fondazione Toscnanini e area congressi è attesa entro l’estate.

I lavori di ristrutturazione dell’immobile, per un importo di 1.620.000 euro, sono a carico dellaFondazione Toscanini, che si avvale di contributi regionali.

Ma nel comparto – come ha annunciato l’assessore Michele Alinovi – interverrà anche il Comune di Parma, che investirà 1.100.000 euro, stanziati nel bilancio 2015, per allestimento sala ipogea e interventi nelle aree esterne (sistemazione del parcheggio, delle vasche a lato del Paganini, delle aree pedonali, della recinzione e del verde).

Il bilancio 2015 del Consorzio Paganini

Il Consorzio Paganini, costituito da Fondazione Arturo Toscanini e Fondazione Teatro Regio di Parma, ha il compito di assicurare la gestione operativa del complesso che sorge all’interno del Parco Ex-Eridania e che comprende l’Auditorium Paganini, l’adiacente Sala Ipogea e l’antistante Centro di Produzione Musicale.

I risultati del primo anno di attività del Consorzio sono stati illustrati oggi, alla presenza del Sindaco Federico Pizzarotti e del Presidente della Fondazione Arturo Toscanini, Luciano Pasquini, dal Sovrintendente Luigi Ferrari (che è anche Amministratore unico del Consorzio) e dal Direttore generale della Fondazione Teatro Regio di Parma Anna Maria Meo.

Già nel suo primo anno di attività, il Consorzio ha fatto rilevare esiti positivi: il bilancio ha registrato unvalore della produzione pari a circa 545mila euro e si è chiuso in pareggio, con un margine di gestione positivo per poco più di 33mila euro, a risultato di un’attività che ha complessivamente espresso 153 giornate di apertura.

“Sono dati destinati a crescere nel prossimo futuro – ha commentato Federico Pizzarotti, anche nella sua veste di Presidente della Fondazione Teatro Regio. – Il Consorzio è il frutto di una comune visione strategica tra le due maggiori istituzioni musicali della città e i risultati che oggi presenta dimostrano la bontà di una scelta che intende offrire a Parma strutture efficienti all’interno di uno spazio verde in sé pregevolissimo e presto restituito alla piena fruibilità dei cittadini: Crediamo in questa iniziativa di cui siamo promotori e partner e coglieremo l’occasione per rilanciare la fruibilità dell’intero parco con un investimento già stanziato di oltre un milione di euro a carico del Comune”.

Scopo del Consorzio non è solo razionalizzare e porre economicamente a frutto la duplice attività congressuale e musicale che si svolge all’interno delle strutture che esso gestisce, ma anche sviluppare fruizione e vivibilità del luogo sul quale insistono gli edifici: “Un investimento di oltre 1,5 milioni di euro consentirà il pieno recupero funzionale della struttura alla sua vocazione originaria, senza tuttavia farle perdere la polivalenza che già oggi consente all’intero complesso di ospitare importanti attività convegnistiche e di spettacolo – ha osservato Luigi Ferrari- inoltre il CPM Toscanini è già collegato alla Sala Ipogea, anch’essa oggetto di imminenti lavori di completamento impiantistico, e attra­verso di essa all’Auditorium Paganini, per una funzionalità operativa che potrà così continuare ad avvalersi di molteplici spazi”.

Luciano Pasquini, dal canto suo, ha osservato come “l’importante investimento che la Toscanini sta effettuando per riqualificare un edificio originariamente concepito come sua sede dovrà non solo contribuire alla crescita della qualità produttiva, ma offrire un’occasione di incremento signi­ficativo dell’offerta che il Consorzio gestirà nei confronti di tutti i potenziali utenti di questi affascinanti spazi”.

Anna Maria Meo, Direttore generale del Teatro Regio, che al Consorzio conferisce l’Auditorium Paganini, ha rimarcato i frutti positivi del lavoro svolto: “La Fondazione Teatro Regio di Parma fornisce il proprio contributo al Consorzio Paganini con servizi e professionalità che consentono al complesso di spazi cosi versatile e prestigioso la possibilità di realizzare e ospitare le più diverse iniziative congressuali e spettacolari, che arricchiscono e vivacizzano il panorama di iniziative culturali, di approfondimento e di confronto della nostra città. A un anno dalla sua nascita sono certa che i buoni risultati già registrati dal Consorzio Paganini troveranno nuove conferme nel prossimo futuro”.

Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone