Como, detenzione di materiale pedopornografico arrestato Andrea Noia operatore finanziario di 47 anni

arresti carabinieriL’uomo, che avrebbe un precedente specifico, per il quale avrebbe già patteggiato, è finito in carcere con l’accusa di detenzione di materiale pedopornografico, a cui si aggiunge la contestazione relativa al possesso di alcuni fumetti manga di natura sessuale, che avrebbe acquistato in Giappone, ma che in Italia sono vietati. Si tratta di disegni evocativi, che spesso non consentono di attribuire un’età precisa ai protagonisti delle storie, dei quali la legge italiana inibisce il commercio e la detenzione. Andrea Noia è stato interrogato dal gip di Como Ferdinando Buatier, che ha convalidato il fermo della polizia postale, e disposto la custodia cautelare in carcere.

Il provvedimento che è stato reiterato dalla Dda di Milano, competente per questo reati. Il quarantasettenne, assistito dall’avvocato Romina De Colle, avrebbe comunicato di voler cercare un centro competente per questo genere di condotte, con una equipe specializzata, per iniziare un percorso di cura.

La Polizia Postale di Como si è recata a casa Noia per una verifica, con un decreto di perquisizione per una segnalazione giunta da Milano. C’era il sospetto che l’operatore finanziario comasco di 47 anni, detenesse materiale illegale, e in particolare pedopornografico. A quanto si apprende gli agenti avrebbero trovato centinaia di immagini a sfondo sessuale, di bambini di ogni parte del mondo, tutti di età preadolescenziale, anche di piccola età. Archiviate con ordine in hard disk esterni alla memoria fissa del computer di casa, la cui provenienza è ancora tutta da accertare.

9 su 10 da parte di 34 recensori Como, detenzione di materiale pedopornografico arrestato Andrea Noia operatore finanziario di 47 anni Como, detenzione di materiale pedopornografico arrestato Andrea Noia operatore finanziario di 47 anni ultima modifica: 2016-03-11T09:59:44+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone