Firenze, inaugurato in piazza Signoria il nuovo Taxi Milano 25 di zia Caterina

È stato presentato in piazza della Signoria il nuovo taxi Milano 25 di zia Caterina: Luca’s Cab ha così passato il testimone a SuperIvy che è stato benedetto dall’Abate Padre Bernardo, guida spirituale di zia Caterina, che segue anche il cammino dei SuperEroi di Milano 25.

All’inaugurazione, che ha il patrocinio del Comune, ha partecipato anche l’assessore al Welfare Sara Funaro. “E’ una giornata speciale – ha detto l’assessore – perché abbiamo l’occasione di dire grazie per quello che viene fatto ogni giorno per i bambini. L’impegno di zia Caterina è qualcosa di straordinario perché riesce a portare un’ondata continua di gioia nei bambini e nelle famiglie che stanno passando momenti difficili e che trovano così il motore più forte per riuscire ad andare avanti. Ringraziamo anche Padre Bernardo, l’associazione Nicco Fans Club e Cesare Prandelli, che con lo stesso spirito di allegria gli sono sempre accanto”. L’arrivo del nuovo taxi è stato salutato in piazza della Signoria anche dal sindaco Dario Nardella.

Zia Caterina, nel progetto che porta avanti con la sua Milano 25, ha voluto ricreare un piccolo mondo colorato, fatto di leggerezza, che aiuti i suoi piccoli SuperEroi a trovare la soluzione alle proprie paure attraverso la condivisione delle proprie esperienze che diventano testimonianza.

L’inaugurazione si è svolta oggi perché il 5 marzo è l’anniversario della nascita al cielo di Ivana Maranzano, ovvero il SuperEroe SuperIvy.

Luca’s Cab, dopo tre anni dalla sua inaugurazione e oltre duecentomila chilometri percorsi tra le strade di Firenze e di tutta Italia, continuerà a svolgere il suo servizio di amore e condivisione alla Fondazione per tutti i piccoli supereroi e le loro famiglie. All’inaugurazione hanno partecipato fra gli altri l’ex Commissario Tecnico della Nazionale Cesare Prandelli, i membri dell’associazione Nicco fans Club Onlus e molti bambini SuperEroi.

Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone