Palermo, gite scolastiche controlli e adempimenti la Polizia Municipale in soccorso dei presidi

Diversi organi di informazione hanno rappresentato un ipotetico stop alle gite scolastiche, procurato dall’emissione di una nuova circolare ministeriale – la numero 674 dello scorso 3 febbraio – che assegna a dirigenti scolastici e accompagnatori la responsabilità di controllare prima di partire che pullman e autisti siano in regola. Secondo questa circolare deve essere il preside in prima battuta a verificare che l’azienda di noleggio ed il pullman per affrontare il viaggio rispettino la normativa vigente e verificare pure l’idoneità dell’autista.

Inoltre, gli sono assegnati tutta una serie di adempimenti quali l’efficienza dei dispositivi visivi, di illuminazione, dei retrovisori e l’usura dei pneumatici, che potrebbe scoraggiare l’organizzazione delle gite scolastiche.

Ma non a Palermo, dove dal 2011 vige un protocollo d’intesa tra l’Ufficio scolastico regionale ed il Comando di Polizia Municipale. In base al protocollo, i dirigenti scolastici possono richiedere l’ausilio degli agenti per il controllo del rispetto del codice della strada, sugli autobus utilizzati per il trasporto degli studenti in occasione delle attività scolastiche.

L’anno scorso furono 59 i controlli effettuati nelle scuole cittadine; gli agenti dopo gli accertamenti hanno rilasciato il via libera per le partenze sicure: un servizio molto apprezzato da genitori e presidi.

Per le prossime gite scolastiche, i presidi possono richiedere il servizio di controllo, inviando una mail all’indirizzo mobilitasicurezza@comune.palermo.it con un congruo anticipo rispetto alla data di partenza, per programmare gli interventi.

9 su 10 da parte di 34 recensori Palermo, gite scolastiche controlli e adempimenti la Polizia Municipale in soccorso dei presidi Palermo, gite scolastiche controlli e adempimenti la Polizia Municipale in soccorso dei presidi ultima modifica: 2016-03-06T01:45:29+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento