Modena, via libera all’assunzione di 15 vigili urbani

Annuncio del sindaco Muzzarelli in Consiglio rispondendo a un’interrogazione del Pd su Albareto. Assemblea pubblica nella frazione venerdì 11 marzo.

Nel giro di alcune settimane, probabilmente entro aprile, l’organico della Polizia municipale di Modena sarà completato con l’assunzione di 14 agenti e un ispettore. Lo ha annunciato il sindaco Gian Carlo Muzzarelli in Consiglio comunale rispondendo all’interrogazione dei consiglieri del Pd Giulia Morini e Vincenzo Walter Stella trasformata in interpellanza sulla sicurezza nella frazione di Albareto dopo le segnalazioni di furti in esercizi commerciali e abitazioni.

“Dopo le nostre ripetute iniziative – ha spiegato il sindaco – il ministero questa settimana ha finalmente riconosciuto ai Comuni delle Regioni che, come la nostra, hanno risolto i problemi delle polizie provinciali, il diritto di assumere regolarmente il personale delle Polizia municipali e la Giunta ha già dato disposizione agli uffici di procedere con la massima sollecitudine”. Entro domani, venerdì 4 marzo, si completa l’invio delle lettere di assunzione.

Il sindaco ha anche ribadito di aver scritto al ministro dell’Interno Alfano, in vista del rinnovo del Patto per Modena Città Sicura, per “chiedere una maggiore attenzione in termini di uomini e mezzi: i fenomeni criminali sono molto variabili ed è evidente che, al di là dei numeri e delle denunce, abbiamo a che fare con episodi e comportamenti che aggravano il senso di insicurezza dei cittadini. Di qui l’urgenza di una risposta più forte dello Stato nella attività di indagine, repressione e irrogazione ed esecuzione delle pene”.

Rispetto alla situazione di Albareto, Muzzarelli ha ricordato di aver concordato con il prefetto la convocazione di uno specifico Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica invitando i rappresentanti dei cittadini non appena venuto a conoscenza dai mezzi d’informazione di una petizione sul tema. “Nonostante la petizione non sia giunta ai destinatari, con un metodo che perlomeno lascia molto a desiderare, la risposta istituzionale – ha affermato il sindaco – è stata tempestiva”. E Muzzarelli ha ricordato che durante l’incontro con i cittadini il prefetto ha esposto i dati sui furti nella frazione che, tra il 2014 e il 2015, sembrerebbero essere in calo: nel 2014 infatti si sono verificati 31 furti di cui 13 in abitazione mentre nel 2015 si sono verificati 19 furti di cui 11 in appartamento. “Dall’inizio dell’anno invece – ha aggiunto il sindaco – si sono registrati cinque furti di cui uno in appartamento, a conferma che la preoccupazione dei cittadini è motivata e che la realtà locale merita di essere tenuta attentamente sotto controllo”.

Le dinamiche dei furti, inoltre, sono “più dirompenti rispetto al passato”, usando, per esempio, un’auto come ariete per sfondare la serranda di un bar con un bottino di 150 euro. “Sono episodi che non si possono sottovalutare – ha affermato il sindaco – e in sede di Comitato è stata rimarcata l’attenzione alle frazioni nell’ambito del Piano coordinato di controllo del territorio recentemente rilanciato, che vede la partecipazione di tutti gli organi di Polizia dello Stato e della Polizia Municipale, con diversi compiti concorrenti al mantenimento della sicurezza nella accezione più ampia che riunisce i concetti di sicurezza pubblica e di sicurezza urbana”.

La situazione della frazione di Albareto sarà approfondita nell’assemblea pubblica già convocato per venerdì 11 marzo e “lì valuteremo assieme ai cittadini possibili percorsi per potenziare il presidio del territorio”, ha annunciato Muzzarelli ricordando che, dallo scorso giugno, proprio per dare seguito alle richieste dei cittadini, ad Albareto sono stati effettuati 201 controlli dalle pattuglie della Polizia municipale, con particolare riguardo “alla velocità dei veicoli in transito su strada Albareto e sulla Munarola, alla necessità di procedere con regolarità alla pulizia dei fossi e delle aree verdi, e alla presenza di un nucleo di nomadi in località Navicello che, nel frattempo, sono stati allontanati dal luogo di dimora”. Da sottolineare anche il servizio di presidio alle scuole elementari “Bersani” negli orari di entrata ed uscita degli alunni garantito da un Vigile di Quartiere. “Stiamo studiando e sperimentando inoltre nuove modalità di presidio delle frazioni – ha spiegato Muzzarelli – con percorsi automontati, servizi mediante Unità Mobile con il nuovo camper attrezzato, servizi di polizia stradale, che ovviamente riguarderanno anche la frazione di Albareto, e che saranno attuati tenendo conto delle indicazioni dei cittadini. E, più generale, proseguono gli investimenti per la videosorveglianza e ad aprile partiremo con il servizio h24 su sette notti”.

Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn1Email this to someone