Pisa, verso il completamento dell’Ospedale di Cisanello

Ulteriori passi in avanti per il completamento del nuovo Ospedale di Cisanello. Si è tenuta una riunione alla presenza del presidente della Regione Enrico Rossi, del sindaco Marco Filippeschi e del direttore dell’AOUP Rinaldo Tomassini.

Il piano prevede l’ampliamento di Cisanello per il trasferimento degli ultimi reparti che sono rimasti al vecchio ospedale e il complementare recupero urbanistico dell’area del Santa Chiara: la società che vincerà la gara da 300 milioni di euro dovrà costruire l’ultima parte del nuovo nosocomio a Cisanello e realizzare il progetto esecutivo per il recupero dell’area del Santa Chiara  con l’opzione di realizzarne la riqualificazione. “Si tratta di uno degli obiettivi principali per la città – commenta il sindaco Filippeschi – e per quanto riguarda il vecchio ospedale si tratta di un’area strategica tra Piazza dei Miracoli e l’area della Cittadella che sarà recuperata  secondo il progetto dell’architetto internazionale  David Chipperfield”.

“Entro marzo le lettere ed entro l’anno individueremo la società  che dovrà occuparsi dell’intervento – ha detto  il governatore Rossi – La Regione anticipa subito 140 milioni di euro per far partire  l’operazione. Inoltre abbiamo deciso il  finanziamento per la progettazione  esecutiva della tangenziale nord-est e per il  primo lotto. Eravamo stati noi – ha spiegato Rossi – a chiedere alla fine dello scorso anno una pausa, necessaria a compiere una verifica finanziaria. Adesso che il quadro economico è definito, puntiamo ad andare presto alla realizzazione di opere importanti, penso al nuovo monoblocco e alla nuova facoltà di Medicina, e per completare il trasferimento ed il recupero a nuove funzioni dell’area del Santa Chiara”. Una volta aggiudicati i lavori, serviranno un anno di fase preparatoria e altri tre anni e mezzo per il loro completamento. È prevista tra l’altro la realizzazione di un nuovo monoblocco ospedaliero con le aree (dai blocchi operatori alle terapie intensive) su un unico piano e di un unico grande ingresso con funzioni di smistamento dei flussi, che già oggi raggiungono le 12.500 unità al giorno. L’idea è quella di concentrare tutta l’attività assistenziale all’interno delle strutture di nuova costruzione.

“Con il nuovo Ospedale di Cisanello rilanciamo anche il necessario sistema infrastrutturale e di mobilità, per un polo di attrazione per oltre 12 mila persone al giorno. E’ importante che il presidente Rossi abbia riconfermato l’impegno già preso nell’Accordo di Programma per la realizzazione dellatangenziale Nord-Est contestuale al completamento del polo ospedaliero. I comuni di Pisa e San Giuliano Terme hanno fatto le varianti urbanistiche per programmarla. La Provincia ha elaborato e sottoposto a verifica il progetto preliminare, ricevendo i pareri positivi già nel 2013. Conforta che il Consiglio regionale abbia dato la priorità ad un progetto che vale per tutta l’area pisana e fatto un primo stanziamento per realizzare il progetto definitivo. Prevediamo di realizzare anche un ponte pedonale e ciclabile per collegare Riglione e i quartieri della circoscrizione” continua il sindaco di Pisa Marco Filippeschi. “Il Comune ha approntato il progetto di fattibilità del collegamento con mobilità elettrica fra la Stazione e il nuovo ospedale. Un moderno filobus, che correrà in sede protetta, con cinque fermate, per potenziare i collegamenti e renderli ad impatto ambientale zero. Presenterò alla Commissione europea questo progetto, insieme ad altri, quando incontrerò la commissaria Violeta Bulc. Se la Regione ci sosterrà, come ha fatto fino ad oggi, potremo varare un altro Masterplan di modernizzazione della mobilità urbana, potendo vantare la piena realizzazione di quello che presentai a Bruxelles nel 2009”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Pisa, verso il completamento dell’Ospedale di Cisanello Pisa, verso il completamento dell’Ospedale di Cisanello ultima modifica: 2016-03-01T01:28:50+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento