Genova, riqualificazione di Mura delle Cappuccine: termine lavori a fine primavera

Il progetto – che fa parte del “Piano straordinario manutenzioni 2015” che il Comune ha finanziato per far fronte ad alcune situazioni di degrado in città – vuole favorire il recupero estetico e la messa in sicurezza del tratto di passeggiata che si sviluppa per circa 400 metri sul tracciato delle mura storiche, da Mura delle Cappuccine all’innesto con le Mura del Prato. Approvati dalla Soprintendenza Belle Arti e Paesaggio della Liguria, i lavori intendono anche riconsegnare una connotazione storico-culturale al percorso e valorizzare gli elementi di pregio che lo contraddistinguono. La nuova pavimentazione del tracciato pedonale si avvarrà di due tipologie di materiali affiancati. Il primo è un nastro di pavimentazione in cubetti che sarà steso lungo tutto il perimetro delle mura, in corrispondenza della testa del muro, per un’ampiezza trasversale di 1,20 metri. Per la superficie restante del percorso invece sarà utilizzata una seconda pavimentazione naturale tipo calcestre in graniglia calcarea addizionata a stabilizzante, ben compattata. Questa soluzione – proposta in considerazione dell’inefficacia degli interventi passati – garantirà l’aerazione delle radici scongiurando la tendenza all’affioramento, problema che aveva causato il sollevamento della pavimentazione.

“Si tratta di un intervento molto importante – sottolinea l’assessore alle manutenzioni Giovanni Crivello – non soltanto per mettere in sicurezza le Mura, ma per ridare vita, anche dal punto di vista storico-culturale, a un pezzo di città cui i cittadini genovesi tengono molto”. Le Mura delle Cappuccine fanno parte di quella cinta medievale della città che venne implementata nel corso del XVI secolo. In questo periodo furono realizzati importanti lavori di ammodernamento e completamento della cinta difensiva che prevedevano il rafforzamento con nuovi bastioni al fronte di terra e l’integrazione delle mura di mare.

Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone