Sottile, droni armati da Sigonella: si gioca sulla pelle dei siciliani

L’Italia sa bene che i Paesi i quali hanno deciso di portare avanti azioni belliche contro lo Stato Islamico sono stati al centro di sanguinosi attentati sul proprio territorio nazionale o contro i cittadini presenti all’estero. – ad intervenire Denis Sottile, coordinatore regionale di FARE!, che a tal proposito tiene a sottolineare – La diffusione della notizia che dalla base siciliana di Sigonella potranno alzarsi anche droni armati americani, anche se solo per scopi difensive e previa autorizzazione del nostro governo, ci espone comunque a rappresaglie terroristiche, e visto tra l’altro che la Libia è vicina alla Sicilia, temiamo per la sicurezza della nostra isola e dei siciliani.
Ed ecco che come al solito si gioca sempre e solo sulla pelle dei siciliani. Auspico che il Governo Nazionale, che ha tenuto all’oscuro i siciliani di quanto stava trattando con gli americani, pensi alle conseguenze che l’Italia e soprattutto la Sicilia potrebbe avere, che dia maggiori chiarimenti sull’accordo e che soprattutto si adoperi per salvaguardare la sicurezza del nostro Paese dai terroristi”.
Conclude così il coordinatore regionale di FARE! Sicilia.

Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone