Pompei, un ex dipendente dell’Alenia prende in ostaggio 20 persone nel Tiberius

L’uomo di 47 anni è stato licenziato dall’azienda ed in cura presso la Asl di Casalnuovo. L’ex lavoratore dell’Alenia ha preso in ostaggio una ventina di persone tra le quali un gruppo di turisti stranieri, nei pressi del sito archeologico di Pompei.

L’uomo, incensurato, che risiede a Casalnuovo, è giunto a Pompei a bordo della propria auto. E’ entrato con un coltello in mano nel ristorante “Tiberius” di fronte alla “Villa dei Misteri” e si è barricato in cucina, minacciando di fare esplodere il locale con il gas.

Sul posto sono accorsi i Vigili del Fuoco, le ambulanze del 118 e le forze dell’ordine. Dopo circa mezz’ora l’uomo si è convinto a uscire ed è stato arrestato. Nessuno tra i dipendenti del ristorante ed i turisti è rimasto ferito.

Condividi su:Share on Facebook2Share on Google+1Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone