Dall’America a Pisa per studiare i cassonetti interrati

Jody Kirkendall, Sanitation Superintendent; Kerrith Fiddler, Public Works Director; Brian Lang: Fleet Manager. Sono i componenti dellaspedizione che dagli Stati Uniti d’America, più precisamente dalla città di Kissimmee in Florida (65 mila abitanti), sono venuti a Pisa per studiare i cassonetti interrati.

A guidarli nei cantieri i tecnici di Pisamo, Avr, Comune di Pisa e rappresentanti della Società produttrice dei cassonetti interrati: la Nord Engineering di Cuneo. La delegazione americana è rimasta favorevolmente colpita dal progetto e vuole replicarlo oltreoceano.

Ogni cassonetto interrato ha sei pozzi: uno per il multimateriale, uno per l’organico, uno per il vetro, uno per la carta, due per l’indifferenziato. Il posizionamento di 22 cassonetti interrati nel centro storico fa parte del piano del Comune per aumentare la differenziata e per rimuovere, dove possibile, le attuali antiestetiche isole ecologiche con i cassonetti fuori terra. I lavori sono concordati con la Soprintendenza i cui archeologi seguono i cantieri e documentano eventuali ritrovamenti. Attualmente ne sono già stati realizzati 6 e sono aperti i cantieri per altri 5.

9 su 10 da parte di 34 recensori Dall’America a Pisa per studiare i cassonetti interrati Dall’America a Pisa per studiare i cassonetti interrati ultima modifica: 2016-02-22T00:04:56+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone