Cosenza, la biologa Giovanna Leonetti si lamentava che Marianna la notte non la faceva dormire

neonatoLa donna accusata dell’omicidio della figlioletta Marianna Luberto di soli 7 mesi pare soffrisse di depressione. Giovanna Leonetti, 37 anni, sospettata di avere soffocato a Cosenza la figlia, è piantonata in ospedale dai Carabinieri. La trentenne si lamentava per la stanchezza dovuta al fatto che la notte la bambina non la faceva dormire.

A sostenerlo, parlando con l’Ansa, un’amica della biologa che aveva raccolto direttamente le lamentele della donna parlando con lei nel laboratorio di analisi cliniche in cui lavorava Giovanna Leonetti, che non è un medico ma una biologa.

“Sono proprio esasperata – aveva detto Giovanna Leonetti all’amica, secondo quanto ha detto quest’ultima – perché Marianna non mi fa dormire la notte. Non so come fare per questo”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Cosenza, la biologa Giovanna Leonetti si lamentava che Marianna la notte non la faceva dormire Cosenza, la biologa Giovanna Leonetti si lamentava che Marianna la notte non la faceva dormire ultima modifica: 2016-02-20T20:37:45+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone