Spresiano, due morti carbonizzati uno è Cristian Pomotariu l’altro non ha nome

Una delle vittime dell’inferno sulla Pontebbana non ha nome dal momento che i documenti sono stati distrutti dalle fiamme. Cristian Pomotariu, 38 anni padre di 3 figli, di Basalghelle di Mansuè, è l’unica vittima identificata. Era in auto con la moglie Michela di 32 anni.

I coniugi in auto uscivano da via Col di Lana, una stradina laterale che sbuca sulla Pontebbana. La Passat ha impegnato la regionale proprio mentre da Ponte della Priula, in direzione di Treviso, arrivava ad alta velocità il motociclista. La moto ha centrato la Passat sul lato del guidatore facendola ruotare di 180 gradi. Il serbatoio della moto si è disintegrato e la benzina si è incendiata. Il fuoco ha avvolto prima il centauro, che ha continuato la sua corsa per alcuni metri, e poi anche la vettura. Pomotariu ha compiuto un’azione eroica. Ha fatto scendere la moglie Michela, ma lui è rimasto incastrato tra le lamiere: “Aiuto, tiratemi fuori di qui!”.

I soccorritori hanno provato a sfidare le fiamme ma alla fine è dovuto indietreggiare lasciando l’uomo al suo destino.

9 su 10 da parte di 34 recensori Spresiano, due morti carbonizzati uno è Cristian Pomotariu l’altro non ha nome Spresiano, due morti carbonizzati uno è Cristian Pomotariu l’altro non ha nome ultima modifica: 2016-02-14T10:19:35+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone