New York Times: “Giulio Regeni è stato preso in quanto considerato una spia”

Giulio Regeni (foto dal web)

Giulio Regeni (foto dal web)

Arriva dagli Usa una possibile verità dietro la misteriosa uccisione del ricercatore friulano. “Tre funzionari della sicurezza egiziana coinvolti nelle indagini affermano che Regeni è stato preso” da alcuni agenti il 25 gennaio. A lanciare la notizia è il New York Times. Il ragazzo “ha reagito bruscamente, si è comportato come un duro”, sostengono le fonti.

“Tutti e tre, intervistati separatamente dicono che Regeni aveva sollevato sospetti a causa di contatti trovati sul suo telefono di persone vicine ai Fratelli Musulmani e al movimento 6 Aprile, considerati nemici dello Stato”. Chi ha fermato Giulio Regeni “ha pensato fosse una spia”, aggiungono le fonti.

“Diversi testimoni – aggiunge il New York Times – dicono che intorno alle 7 di sera due agenti in borghese davano la caccia ad alcuni giovani nelle strade”. Un ulteriore testimone, che ha chiesto l’anonimato, racconta che i due agenti “hanno fermato l’italiano. Uno gli ha perquisito lo zaino, mentre l’altro gli ha controllato il passaporto. Quindi lo hanno portato via”.

Secondo questa ulteriore testimonianza, “uno dei due agenti era già stato visto nel quartiere in diverse precedenti occasioni, e aveva fatto domande ad alcune persone su Regeni”. Tornando alla testimonianza dei tre funzionari della sicurezza invece, il New York Times ricorda che Regeni stava conducendo ricerche sui sindacati indipendenti in Egitto. Uno dei tre funzionari al Nyt, riferisce che gli agenti “pensavano fosse una spia: dopo tutto chi viene in Egitto a studiare i sindacati?”.

9 su 10 da parte di 34 recensori New York Times: “Giulio Regeni è stato preso in quanto considerato una spia” New York Times: “Giulio Regeni è stato preso in quanto considerato una spia” ultima modifica: 2016-02-13T13:45:32+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone