Milano, Rozza: “In primavera un monumento in piazza della Repubblica in ricordo delle vittime delle Foibe”

“È in dirittura d’arrivo l’iter per il posizionamento, entro primavera, di un monumento in Piazza della Repubblica, nell’area tra via Finocchiaro Aprile e via Vittorio Veneto, in ricordo delle vittime delle Foibe”. Lo ha annunciato l’assessore ai Lavori pubblici e Arredo urbano Carmela Rozza nel corso dell’intervento, in rappresentanza del Comune di Milano, alla cerimonia del Giorno del Ricordo in largo Martiri della Foibe. Rozza ha anche ricordato come “la giornata, dedicata alla memoria di tutte le vittime delle Foibe e dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati, è stata istituita molto tardivamente nel 2004”.

“Negli anni a cavallo del 1945 – ha affermato Carmela Rozza –, migliaia di italiani furono trucidati barbaramente sul confine orientale e 350.000 connazionali costretti all’esilio dalle terre natie in Istria, Fiume e Dalmazia per sfuggire alla repressione del maresciallo Tito e alla sistematica pulizia etnica nei confronti dei cittadini italiani. E’ tutta Milano che si stringe in un abbraccio solidale e fraterno agli esuli di quelle terre, ai loro familiari e ai parenti delle vittime di quei crimini”.

“La commemorazione di quei fatti atroci e drammatici – ha proseguito l’assessore – avviene in un momento difficile per l’Europa: un continente che appare di nuovo smarrito di fronte ad emergenze planetarie come il terrorismo e la fuga dalle guerre. Emergono segnali preoccupanti fatti di populismo e di nuova intolleranza. Proprio il confine orientale è l’epicentro oggi delle nuove tensioni internazionali e delle nuove chiusure che l’Europa sembra volere attuare”.

“È mia convinzione che insieme, consapevoli del passato e della storia che abbiamo alle spalle, dimostreremo di avere la capacità e la volontà di tornare a credere nel nostro paese, in noi stessi e nel nostro futuro”, ha concluso l’assessore.

Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone