Palermo, confiscati beni per 100 milioni agli eredi dell’imprenditore Francesco Pecora

La Dia del capoluogo siculo ha confiscato beni per oltre cento milioni agli eredi dell’imprenditore edile venuto a mancare a maggio del 2011. Francesco Pecora era ritenuto dagli investigatori personaggio di spicco di Cosa Nostra.

Il provvedimento, che riguarda centinaia di immobili, società e conti correnti, è stato emesso dal tribunale di Palermo su proposta del direttore dalla Dia.

Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn1Email this to someone