Torino, potatura dei due filari alberati di corso Francia

E’ in corso da lunedì 1° febbraio 2016 la potatura dei due filari alberati di corso Francia, nel tratto tra piazza Statuto e piazza Massaua.

Si tratta di circa 650 platani, che non venivano potati dal 2005. Dopo diversi rinvii, legati a ragioni tecniche ed economiche, era diventato un intervento di assoluta necessità.

I lavori sono partiti dal lato di piazza Statuto – alberata nord, per arrivare fino a piazza Bernini e poi tornare indietro sull’altro lato del corso.

Completata questa tratta, si partirà con la tratta successiva, da piazza Bernini a piazza Rivoli, terminata la quale si passerà al tratto finale da piazza Rivoli a piazza Massaua.

In tutto, l’intervento durerà circa due mesi.

La potatura è realizzata da un’impresa specializzata in lavori di arboricoltura, nel rispetto delle norme di salute e sicurezza dei lavoratori, della struttura e della salute della chioma degli alberi, senza ridurre il valore ornamentale e ambientale dell’alberata. L’intervento permette di rimuovere gli eventuali rami secchi o con inserzione fragile e di diminuire la resistenza al vento opposta dalla chioma, riducendo così i rischi di schianto e di rottura di rami anche in caso di eventi atmosferici intensi.

Gli interventi di potatura vengono organizzati tenendo conto prioritariamente degli aspetti concernenti la tutela della salute e della sicurezza sul lavoro degli operatori coinvolti e, in secondo luogo, le esigenze legate al traffico automobilistico. In ragione di ciò, pur organizzando gli interventi in orari di minimo impatto sulle condizioni di traffico esistenti, si richiede ai cittadini di scegliere, per quanto possibile, percorsi alternativi, o pazientare in caso di code.

Per realizzare i lavori in sicurezza sarà necessaria, come per ogni filare alberato che si trova lungo assi stradali, la chiusura temporanea di alcuni tratti di controviale per il tempo necessario alle operazioni.

Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone