Tre esplosioni vicino al Sayyidah Zainab Shrine 45 morti e 110 feriti

L’attentato si è verificato vicino al Sayyidah Zainab Shrine, a sud di Damasco, luogo di pellegrinaggio sciita. I terroristi hanno prima fatto esplodere un’autobomba vicino ad una stazione degli autobus. Quando le persone si sono avvicinate per aiutare i feriti, due kamikaze si sono fatti saltare in aria. Gli attentati sono stati rivendicati dall’Isis.

Il santuario fu già preso di mira nel febbraio del 2015, quando 4 persone morirono in due attacchi suicidi e altre 13 rimasero ferite vicino ad un checkpoint nello stesso quartiere. Nello stesso mese, un’esplosione su un bus sul quale viaggiavano pellegrini sciiti diretti al mausoleo di Sayyida Zeinab provocò 9 morti. L’attentato fu poi rivendicato dal gruppo armato di al-Nusra.

Damasco ha fatto sapere che non accetterà mai la rimozione di due gruppi di combattenti islamici dalla lista delle organizzazioni terroristiche bandite dai colloqui sulla Siria in corso a Ginevra. Lo ha detto il ministro dell’informazione siriano Omar el Zoubi. Ahrar al-Sham e l’Esercito dell’Islam, hanno dato il loro consenso a partecipare ai colloqui sotto l’egida dell’Onu. Ahrar al Sham non fa parte della delegazione mandata a Ginevra, ma ha nominato come suo negoziatore Mohammed Alloush dell’Esercito dell’Islam.

Mentre tutti i partecipanti ai colloqui sono d’accordo sull’esclusione dal negoziato dei qaedisti del Fronte al Nusra e dei jihadisti dell’Isis, su questi altri due movimenti non c’è una visione comune. Il regime di Damasco e Mosca li vogliono fuori, mentre le altre componenti che combattono contro il regime di Damasco sono d’accordo sulla loro partecipazione nonostante le divergenze ideologiche.

Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone