Roma, Latella rivisita Fassbinder all’Argentina

Antonio Latella incontra nuovamente la poetica di Rainer Werner Fassbinder portando in scena al Teatro Argentina Ti regalo la mia morte, Veronika, lavoro ispirato all’opera cinematografica del 1982, Veronika Voss.

Dopo il pluripremiato Un tram che si chiama desiderio e Francamente me ne infischio, rilettura di Via col vento, Latella prosegue l’analisi dell’universo femminile con uno spettacolo che rilegge i miti del cinema e torna al grande regista tedesco a distanza di quasi dieci anni dalla rielaborazione teatrale di Le lacrime amare di Petra von Kant. Partendo dalla rievocazione della vicenda di Veronika Voss, diva sul viale del tramonto vittima della morfina, lo spettacolo incontra alcune tra le figure femminili più significative dell’opera di Fassbinder, in cui sguardo cinematografico e biografia personale tendono a coincidere.

“Oggi mi rendo conto che mi piace affrontare Fassbinder – dice Antonio Latella – perché mi sembra di avere finalmente capito la sua dimensione di autore classico. È cambiato l’approccio, il desiderio di non pensarlo più come autore alternativo, o, peggio, trasgressivo, quanto come inventore di un nuovo linguaggio teatrale e cinematografico. Rispetto a “Le lacrime amare di Petra von Kant”, credo che questo sia uno spettacolo più fassbinderiano, se vogliamo usare questo aggettivo, proprio perché non è affatto consolatorio”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Roma, Latella rivisita Fassbinder all’Argentina Roma, Latella rivisita Fassbinder all’Argentina ultima modifica: 2016-01-31T02:01:24+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento