Diego Piazza: “Bisturi scandenti rischi per i pazienti”

sala operatoriaGrazie al Premier Matteo Renzi e alla sua politica dell’abbattimento dei costi “i bisturi in Italia non tagliano più”. La denuncia è dell’Acoi (Associazione dei Chirurghi Ospedalieri Italiani) che ha ricevuto segnalazioni da migliaia di medici in tutta Italia. La “mediocre qualità” dei bisturi utilizzati oggi ha conseguenze sia estetiche, perché il taglio perde la famosa precisione chirurgica, sia infettive.

A spiegare i rischi diretti per la salute è Diego Piazza, presidente dell’Acoi, secondo il quale “aumentando il trauma cutaneo per incidere una superficie, si aumenta il rischio di contaminazione batterica della ferita. È evidente che, dovendo aumentare la forza per incidere una superficie, si rischia di tagliare oltre le intenzioni dell’operatore. Quanto ai costi, possiamo affermare che si tratta di una scelta antieconomica, perché per uno stesso intervento può essere necessario utilizzare più bisturi, cosa che non si verificherebbe con un buon bisturi che, al contrario, potrebbe essere utilizzato più volte durante lo stesso intervento”.

Privilegiare il prezzo a scapito della qualità, si domanda Piazza, “fino a fare scomparire quasi del tutto le caratteristiche minime di funzionalità del prodotto, addirittura dei dispositivi medici ad elevata tecnologia il cui malfunzionamento può avere effetti letali, che tipo di sicurezza e qualità forniamo ai nostri pazienti?”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Diego Piazza: “Bisturi scandenti rischi per i pazienti” Diego Piazza: “Bisturi scandenti rischi per i pazienti” ultima modifica: 2016-01-26T01:03:23+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook1Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento