Genova, fino al 7 febbraio le mostre “Brassaï. Pour l’amour del Paris” e “Lisetta Carmi. Ho fotografato per capire”

Sono prorogate al 7 febbraio le mostre Brassaï. Pour l’amour del Paris e Lisetta Carmi. Ho fotografato per capire in corso a Palazzo Ducale

Brassaï. Pour l’amour del Paris, a cura di Agnès de Gouvion Saint-Cyr, in collaborazione con l’Estate Brassaï è organizzata da: Fratelli Alinari Fondazione per la Storia della Fotografia.

Duecentocinquanta fotografie e una proiezione raccontano la storia eccezionale della passione che ha unito per più di cinquant’anni lo scrittore, fotografo e cineasta Brassaï agli angoli più nascosti di Parigi e a tutti quegli intellettuali e artisti – Henry Miller, Man Ray, Picasso – grandi famiglie, prostitute e derelitti che hanno contribuito alla leggenda della capitale francese.
Brassaï si dedica alla fotografia dal 1929 e trova i primi successi con le immagini di una Parigi notturna, sconosciuta, insolita, talvolta detestata. A Parigi, dirà, “ero alla ricerca della poesia della nebbia che trasforma le cose, della poesia della notte che trasforma la città, della poesia del tempo che trasforma gli esseri…”.
In mostra anche le fotografie scattate per documentare l’opera scultorea di Picasso, a cui lo lega una grande amicizia e la passione per il Circo Medrano, di cui immortala la bellezza delle cavallerizze, la lotta eterna dei funamboli e degli acrobati contro il pericolo della gravità e il ridere illusorio del clown.
Una sezione dell’esposizione presenta le immagini dei graffiti sui muri di Parigi, che compongono, secondo Brassaï, la più grande galleria d’arte primitiva. Per la loro fragilità e il loro carattere effimero, sente la necessità di prelevare questi ultimi, di salvarli da morte certa e dall’oblio, di farli conoscere per far uscire dall’ombra “l’arte degli umili privi di cultura e di educazione artistica, ridotti a creare tutto con risorse proprie, a reinventare tutto di propria iniziativa. Un’arte che ignoriamo e che ignora se stessa…”
Conclude la mostra un cortometraggio a ideazione e regia del grande fotografo, che nel 1956 vince il Gran Premio della Giuria al Festival di Cannes.

Lisetta Carmi. Ho fotografato per capire.Genova rende omaggio a Lisetta Carmi con una mostra personale a Palazzo Ducale, con il più alto numero di fotografie mai esposte : 220 immagini che ripercorrono l’intero percorso creativo della grande fotografa.
La mostra, allestita nella Loggia degli Abati, curata da Giovanni Battista Martini, si apre con la sezione dedicata alla sua città natale, con immagini che documentano  la forte identità sociale e culturale della Genova degli anni ’60 e ’70.

L’intensa attività portuale, la forte presenza industriale e la crescita smisurata dell’edilizia pongono la città al centro di forti tensioni sociali, non di meno in quegli anni nascono realtà culturali all’avanguardia nell’ambito del teatro, della musica e delle arti visive che il suo obiettivo riprende con rigore e lucidità.
Una sezione è dedicata agli straordinari ritratti di Ezra Pound. Pur se realizzati in un breve incontro con il poeta nella sua casa di Rapallo, ne restituiscono la complessità  e la straordinarietà.  Saranno esposte anche molte immagini inedite  dedicate ai ritratti di artisti come Lucio Fontana, Luigi Dallapiccola, Leonardo Sciascia, Claudio Abbado, Joris Ivens, Carmele Bene e Lele Luzzati.
Se le fotografie della Carmi rimangono un punto imprescindibile per la conoscenza di quegli anni a Genova, sono altrettanto analitiche e significative quelle realizzate durante i numerosi viaggi compiuti in quegli anni: da quelle scattate in Sicilia dove si reca per un progetto congiunto con Sciascia, a quelle della Sardegna così come quelle realizzate in paesi lontani come l’America Latina, Israele, La Palestina, l’Afghanistan e l’India.
Chiudono  l’esposizione due sezioni, la prima dedicata al momento della nascita  con la ripresa di un parto nella sua sequenza temporale e la seconda con una selezione delle fotografie dei travestiti che furono raccolte in un volume uscito nel 1970 e che sono tra le sue immagini più note.

Orario: Lisetta Carmi da martedì a venerdì dalle 15 alle19, sabato e domenica dalle 11 alle 19, lunedì chiuso – Brassaï: da martedì a domenica dalle 11 alle 19.

9 su 10 da parte di 34 recensori Genova, fino al 7 febbraio le mostre “Brassaï. Pour l’amour del Paris” e “Lisetta Carmi. Ho fotografato per capire” Genova, fino al 7 febbraio le mostre “Brassaï. Pour l’amour del Paris” e “Lisetta Carmi. Ho fotografato per capire” ultima modifica: 2016-01-23T01:57:52+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento