Brescia, Claudio Tonoli voleva contagiare con l’Hiv il maggior numero possibile di ragazzi

fiocco rosso aidsUn “untore” moderno quello arrestato nel Bresciano. Si tratta di un sieropositivo di 55 anni arrestato dalla Polizia per prostituzione minorile e tentate lesioni. Claudio Tonoli voleva contagiare con l’Hiv il maggior numero possibile di ragazzi per vendicarsi della sua malattia. Per raggiungere lo scopo, in base all’accusa, offriva soldi per sesso non protetto. Ha avuto rapporti anche con minorenni. “Diceva di essere sano. Era disposto a pagare di più per fare sesso senza protezione”, hanno raccontato molte vittime.

Il Corriere della Sera scrive che Claudio Tonoli era stato infettato durante un rapporto occasionale. Tramite annunci in chat erotiche trovava i suoi partner, per lo più minorenni. Ogni prestazione pagava dai 20 ai 50 euro. Alcuni sono già stati rintracciati e sottoposti alle analisi per capire se siano stati o meno contagiati. Altri ragazzi devono ancora essere individuati.

All’uomo gli inquirenti sono arrivati indagando su un giro di prostituzione minorile. La perquisizione ha fatto scoprire la sua richiesta dell’invalidità. La malattia era l’Hiv.

Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone