Positivo l’avvio dei saldi invernali

L’avvio dei saldi invernali 2016 si sta rilevando positivo non solo a Matera ma anche a Potenza e nel resto della provincia dove lo shopping è in ripresa dopo una partenza non esaltante. L’aumento medio delle vendite, nella prima settimana, si aggira intorno al 5% rispetto al 2015, anche se con differenze profonde fra i territori (Vulture-Alto Bradano, Lagonegrese e Val d’Agri). Un risultato favorito dall’aumento dello sconto praticato: quasi 8 negozi su 10 sono infatti partiti con riduzioni di prezzo dal 30% in su, con punte che raggiungono, in qualche caso, addirittura il 70%. E’ quanto emerge da un exit poll sull’andamento delle vendite di stagione condotto da Confesercenti sui negozianti.

Anche se la prima impressione dei commercianti è positiva, per un bilancio definitivo occorrerà attendere almeno la seconda settimana delle vendite di fine stagione, entro la quale, secondo le nostre stime, si concentrerà circa un terzo di spesa messa a budget dai consumatori per i saldi.

Inoltre, le condizioni meteo della prima settimana del 2016 con temperature nella media stagionale a differenza di quanto è accaduto a dicembre con un clima decisamente poco invernale, favoriscono le vendite di capi spalla, giubbotti, maglie più pesanti – continua la nota di Confesercenti – ed è quindi prevedibile che per tutto il mese di gennaio gran parte delle taglie sarà ancora disponibile. Analizzando i precedenti, ciò potrebbe comportare una percentuale media di sconto in vetrina non particolarmente alta: “lo sconto al 50 per cento sarà probabilmente abbastanza isolato, specialmente all’inizio – aggiunge Prospero Cassino, presidente Confesercenti – ma del resto come categoria invitiamo ad esser prudenti rispetto alle percentuali roboanti. La tendenza recente è quella di concentrare gli sconti più alti su capi isolati, le vere e proprie rimanenze, invitando il consumatore ad apprezzare il valore di un acquisto più qualificato; dando valore alla qualità del capo, e magari al servizio di chi aiuta a sceglierlo, oltre che al prezzo in valore assoluto. Infine la crescita dei consumi anche in Basilicata come ha evidenziato il presidente Pittella ieri nella conferenza stampa incoraggiano all’ottimismo. Il dato odierno diffuso dall’Istituto di statistica, infatti, segnala un consolidamento della risalita del potere d’acquisto, che è cresciuto più del reddito disponibile espresso a prezzi correnti, a causa, appunto, di un’inflazione negativa.

Questo è nel complesso un fatto positivo, sia per le condizioni di vita sia per le possibilità di spesa delle famiglie. Per alcune famiglie – continua Cassino – pesano le aspettative ancora incerte rispetto al futuro, ma molte altre stanno ricostituendo i propri risparmi dopo l’erosione avvenuta negli scorsi anni, e dovuta al tentativo di far fronte alle perdite di reddito subite. La strada per confermare la ripresa dei consumi e del mercato interno, quindi, è ancora lunga. Per accelerare occorrerebbe mettere in campo misure coraggiose a sostegno del reddito delle famiglie in generale, come è stato fatto per il lavoro dipendente con il Jobs Act. In questa fase di ripresa ancora solo accennata, uno stimolo alla crescita del Pil può provenire, infatti, solo dai consumi visto che gli investimenti hanno ancora bisogno di tempo per manifestarsi”.

9 su 10 da parte di 34 recensori Positivo l’avvio dei saldi invernali Positivo l’avvio dei saldi invernali ultima modifica: 2016-01-10T03:11:59+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone