Genova, la mostra su Enrico Fermi prorogata al 10 gennaio 2016

Il museo di Storia Naturale ospita fino al 10 gennaio la mostra Enrico Fermi.Una duplice genialità tra teorie ed esperimenti, realizzata a cura del Museo storico della fisica e Centro studi e ricerche ‘Enrico Fermi’, in collaborazione con la Società italiana di fisica.

Dal mistero dei raggi cosmici all’idea degli acceleratori, dalla teoria dei raggi beta all’assegnazione del premio Nobel: una mostra sulla straordinaria figura scientifica di Enrico Fermi pensata per il 2015, proclamato dalla Nazioni Unite Anno Internazionale della Luce e data di significative ricorrenze nella vita e nel lavoro dell’Illustre fisico italiano.

Sono, infatti, trascorsi 90 anni dalla formulazione di quella che oggi è nota come statistica di Fermi-Dirac, un lavoro che portò subito Fermi alla ribalta tra i giovani teorici di tutto il mondo. E sono 80 anni dal completamento della pubblicazione in Italia della serie di lavori del suo gruppo romano sulla radioattività provocata dal bombardamento di neutroni, lavori che contenevano le informazioni sulle scoperte che furono alla base dell’assegnazione a Fermi del Premio Nobel 1938 per la fisica.

L’esposizione è organizzata in 7 tappe che ripercorrono la carriera scientifica di Fermi:

– Il nostro universo di fermioni e bosoni

– La formidabile teoria dei raggi beta

– Un premio Nobel tutto italiano

– “The Italian navigator has landed in the new world …”

– Il mistero dei raggi cosmici

– E adesso gli acceleratori

– L’ultimo dono di Fermi all’Italia

A queste tappe scientifiche si aggiungono quelle che riguardano più da vicino la sua vita privata e l’ambiente in cui lavorava.

Orario di visita: da martedì a domenica dalle 10 alle 18, lunedì chiuso

9 su 10 da parte di 34 recensori Genova, la mostra su Enrico Fermi prorogata al 10 gennaio 2016 Genova, la mostra su Enrico Fermi prorogata al 10 gennaio 2016 ultima modifica: 2016-01-08T01:28:44+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone