Oderzo, Fadil Nabir morto nello stabilimento russo della Plast

L’italiano di origine marocchine di 45 anni è morto il 23 dicembre, nell’esplosione avvenuta all’interno della fabbrica che la ditta Plast di Fontanelle ha aperto a San Pietroburgo, in Russia. Solo nei giorni scorsi le autorità russe hanno dato il nulla osta per l’espatrio del corpo di Fadil Nabir, residente in via Comunale a Colfrancui di Oderzo.

La moglie di Fadil e le sue due figlie hanno potuto recarsi in Marocco per il funerale dell’uomo, insieme al fratello del tecnico morto nell’incidente, Ahmed Nabir, anch’egli dipendente della Plast.

Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+1Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone