Amapola

amapola1
Amapola
Di Vincenzo Calafiore
5 gennaio 2016 – Udine
C’è una cosa che non ti ho mai detto, e che ogni sera prima di addormentarmi ho affidato a Dio, si tratta dei miei pensieri e quel che io ho nel cuore per te da sempre
Così in un certo qual senso lo ringrazio di averti fatto prendere la stessa strada che io da tempo già percorro; in quel maggio odoroso ci siamo incontrati su quella spiaggia forse entrambi in cerca di un tramonto fiabesco o di un’altra vita.
Abbiamo affidato al mare ciò che più giaceva in noi da parecchio tempo, tu venivi da un passato fatto di violenze e di sopravvivenza quotidiana, umiliata e saccheggiata; io fuggivo dalle macerie, in cui era difficile anche respirare.
Allora in testa avevo più sogni che cervello, vivevo dove meglio mi piaceva, tra profumi di carta e inchiostri; nelle mie tasche a infilarci le mani si trovavano che matite e gomme, fogli di carta ripiegati, di frammenti di memoria.
Ecco quello che più sapevo fare era scrivere, riempivo fogli di parole che parlavano e parlano ancora di te, dei miei sogni.
Io ti guardavo e nei miei occhi scorrevano immagini di praterie assolate e spiagge deserte, c’era così tanta poesia che non potevo fare a meno di scriverla; è stato così che mi sono lasciato prendere dalle tue mani.
E’ stato così che cominciai a pronunciare il mio ti amo di tanti sogni, e tutti buoni a essere realizzati.
Amandoti ho cominciato a conoscere la vita, a rivedere quei colori da cui mi ero allontanato, a non essere fango nel fango, naufrago di un mare bastardo che in una notte spense le stelle di quel cielo che custodiva i miei sogni.
Quel “senso” chiamato amore, così presente così dirompente è un mare che guardo sempre, per cui ancora riesco a scrivere; forse è per mia salvezza è proprio da quelle parti che la mia anima da sempre mi ci voleva depositare come fa il mare con i legni che li porta con se fino a depositarli in qualche spiaggia abbandonata. E’ un viaggiare seduto dietro una finestra, in cui si animano e prendono forma desideri e sogni ma è anche un rimanere abbandonato chissà in quale stazione lontano dal tuo mondo.
A volte mi pare di volare, a volte è un precipitare fra le braccia di certe tenebre che credevo ormai dissolte e che invece riaffiorano se poco mi allontano dai tuoi occhi.
Dicono che questo sia amore.
Dicono scritti antichi che l’amore sia il dolce frusciare dell’anima nelle parole consegnate a un foglio di cielo troppo grande troppo vasto ancora da riempire, ancora da scrivere.
Lontano da te mi pare d’essere un papavero in mezzo ai rovi!
Se c’è una certezza, se c’è ancora un sogno, se ho ancora parole da scrivere è perché io sono naufrago di un mare che mi trattiene che non si stanca mai di portarmi via che mi lascia dentro un tempo non tempo in cui ancora “ TU “ sei certezza, ancora sogno, ancora amore!
Quel grande amore che mi fa ripetere come una canzone a memoria: ti amo!

9 su 10 da parte di 34 recensori Amapola Amapola ultima modifica: 2016-01-05T15:28:02+00:00 da Vincenzo Calafiore
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone