Per l’anno 2015  sono stati assegnati tre premi Lucchese dell’anno

I premi Lucchese dell’anno sono andati al Gruppo Storico Sbandieratori e Musici Città di Lucca Contrada Sant’Anna in Piaggia, alla Compagnia Balestrieri di Lucca e all’associazione Contrade di San Paolino.

Per quanto riguarda il gruppo Sbandieratori e Musici città di Lucca la motivazione recita: “Visto il successo ottenuto alla 34° edizione della Parata Nazionale della Bandiera che si è svolto a Lucera nell’anno 2015 consentendo di laurearvi per il terzo anno consecutivo Campioni d’Italia  e conquistando  per la 4° volta il titolo di Miglior Compagnia della Lega Italiana Sbandieratori; per aver innalzato ai massimi livelli nazionali il nome della città di Lucca in una disciplina difficile quale l’arte della bandiera”.

Nella motivazione per l’assegnazione del premio alla Compagnia Balestrieri di Lucca vi è scritto: “Visto le straordinarie vittorie ottenute nell’anno 2015, da quella storica a Pisa, alla vittoria di San Marino, nel Balestrone e per quella ottenuta nel Torneo Nazionale a Squadre a Massa Marittima”.

“Visti i successi ottenuti al XXXI Campionato Italiano di Balestra Antica da banco tenutosi ad Assisi nell’anno 2015 – si legge invece nelle motivazioni dell’assegnazione del premio all’associazione Contrade di San Paolino – Per aver innalzato ai massimi livelli nazionali il nome della città di Lucca nella disciplina della Balestra Antica da banco”.

In tutte e tre le pergamene consegnate inoltre viene messa in risalto la la preziosa partecipazione da sempre dimostrata alla vita cittadina tenendo vive le tradizioni storiche mediante le rievocazioni medievali. L’auspicio rivolto a tutti i premiati è quello di conseguire nuovi importanti risultati nell’anno 2016.

9 su 10 da parte di 34 recensori Per l’anno 2015  sono stati assegnati tre premi Lucchese dell’anno Per l’anno 2015  sono stati assegnati tre premi Lucchese dell’anno ultima modifica: 2016-01-02T01:56:56+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento