Internet veloce e telefonia mobile in Val Venosta e in Val d’Ultimo

Sono entrate in funzione altre due stazioni di trasmissione della RAS situate a Mazia, in Val Venosta, e a Malga Guazza, in Val d’Ultimo. Grazie all’adeguamento degli impianti secondo i più moderni standard di telefonia mobile, è ora possibile navigare in internet ad una velocità che può raggiungere i 60 Mbit/s, e a Mazia è stato potenziato il segnale RAI e RAS.

Uno degli obiettivi prioritari della Giunta provinciale è quello di creare una rete a banda larga in grado di coprire il territorio altoatesino in maniera capillare, concentrandosi non solo sulle zone maggiormente e densamente popolate, ma anche sulle aree periferiche che risultano meno appetibili per gli operatori privati. “Per garantire una delle infrastrutture fondamentali per lo sviluppo economico e sociale – sottolineano il presidente Arno Kompatscher e l’assessora Waltraud Deeg – la Provincia ha deciso di intervenire tramite la RAS, incaricata di attuare il progetto sfruttando le risorse messe a disposizione dai fondi europei”. I lavori stanno proseguendo a pieno regime proprio per dotare le stazioni di trasmissione di tutti gli impianti, le antenne e i ripetitori necessari a fornire in maniera pulita sia il segnale legato alla telefonia mobile, sia quello che consente di navigare sul web ad alta velocità.

L’azienda speciale RAS sta coordinando i lavori a Passo Rombo, a Favogna, a Mazia e a Malga Guazza, e in queste due ultime località gli interventi si sono conclusi proprio nei giorni scorsi dopo appena 5 mesi dall’inizio delle attività. A breve sarà la volta anche di Favogna, mentre la stazione di Passo Rombo è già operativa. Il progetto è finanziato dalla UE tramite il Fondo europeo di sviluppo regionale FESR, e la RAS si occupa di coordinare i lavori, la maggior parte dei quali viene svolta da imprese altoatesine. Una volta entrati in funzione, gli impianti vengono messi a disposizione degli operatori telefonici privati, i quali hanno il compito di gestire ed effettuare la manutenzione delle strutture.

 

Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone