Bologna, approvata in Consiglio l’Intesa quadro tra Regione e Città metropolitana

Il Consiglio metropolitano ha approvato l’Intesa quadro con la Regione Emilia-Romagna che definisce il ruolo della Città metropolitana in una logica di forte cooperazione nella filiera istituzionale e ribadisce le funzioni prevalenti di programmazione e indirizzo che si aggiungono alle funzioni gestionali relative a edilizia scolastica e viabilità, acquisite dalla ex Provincia.
Dopo la legge regionale 13 del luglio scorso, che riconosce il ruolo differenziato della Città metropolitana rispetto alle aree vaste e le modalità di messa in sicurezza del lavoratori anche in coerenza con le funzioni della Città metropolitana, l’Intesa rappresenta un importante tassello nella definizione del riordino istituzionale e ribadisce il suo ruolo di Ente che cura lo sviluppo strategico del territorio e organizza e promuove servizi efficaci per il sistema del Comuni e delle  Unioni.
“Il testo definito con la Regione – ha sottolineato il sindaco metropolitano Virginio Merola – delinea in modo chiaro il profilo della Città metropolitana di Bologna e ci consente già da ora di avviare il percorso di pianificazione strategica e di dare attuazione al Patto metropolitano per il lavoro e lo sviluppo economico e sociale”.

Punti principali del testo:

  • Piano strategico metropolitano, attraverso cui la Città metropolitana esercita la funzione guida sulle Unioni e sui Comuni. E’ anche l’ambito riconosciuto dalla Regione in cui sviluppare le strategie territoriali a servizio dell’intero sistema regionale: in questa logica da gennaio sono in programma incontri sul territorio, per raccogliere osservazioni e proposte.
  • Pianificazione territoriale: la parola chiave è sostenibilità dentro un grande obiettivo di semplificazione, un piano unico di Bologna metropolitana riassume in un solo strumento quello che oggi fanno piu’ di 60 strumenti urbanistici. Un solo piano territoriale che avrà anche contenuti strutturali e che mette in coerenza le scelte di pianificazione strategica con la pianificazione urbanistica; questa è una rivoluzione urbanistica che anticipa uno dei più importanti contenuti della legge in materia che la Regione sta scrivendo. La Città metropolitana attraverso la legge 13 e questa Intesa quadro è in grado di partire subito – prima Città metropolitana in Itala – con questo nuovo processo di pianificazione metropolitana, e con l’attuale assetto normativo possiamo già avviare quello che vogliamo chiamare il PSM metropolitano.
  • Mobilità e infrastrutture: condivisione con la Regione della programmazione delle infrastrutture strategiche metropolitane a servizio dell’intero territorio regionale, riconoscimento del ruolo guida del Servizio ferroviario metropolitano per il sistema regionale, e impegno condiviso per il suo completamento.
  • Sviluppo economico, sociale e welfare: si tratta di una delle funzioni più rilevanti attribuite alle Città metropolitane dalla legge Del Rio, del tutto nuova rispetto alla precedenti competenze provinciali. Abbiamo proposto alla Regione di superare le logiche delle politiche settoriali e di comparto, introducendo una modalità di impostazione unitaria dello sviluppo economico e sociale, che garantisce integrazione ed efficacia. Il Patto metropolitano per il lavoro e lo sviluppo economico e sociale, condiviso con le forze economiche e sociali, ha rappresentato nel dialogo con la Regione uno strumento essenziale per definire il ruolo della Città metropolitana.
    Attraverso l’intesa la Città metropolitana acquisisce funzioni specifiche, anche attraverso la modifiche delle norme regionali di settore,  per favorire l’attrattività del territorio e la qualificazione e innovazione del sistema produttivo, rende quindi ancora piu efficace il ruolo del territorio metropolitano come porta d’accesso dell’intero sistema regionale e la nostra capacità di agire con strumenti per lo sviluppo. E’ stato, inoltre, concordato nell’intesa un impegno specifico su due infrastrutture strategiche per lo sviluppo economico-sociale – Fiera e Tecnopolo – che vedono un ruolo peculiare della regionale nel coordinamento di questi asset.
    L’intesa riconosce e mette a servizio del sistema regionale i luoghi di concertazione sulla cultura, l’istruzione, la formazione, il lavoro, che rappresentano un patrimonio peculiare di questo territorio, introducendo inoltre il percorso per la definizione di un nuovo assetto istituzionale del welfare e riconoscendo nella conferenza sociale e sanitaria metropolitano lo strumento per la governance delle politiche sociali, sanitarie, socio sanitarie.
  • informatizzazione e digitalizzazione: ruolo guida della Città metropolitana nella armonizzazione e omogenizzazione dei sistemi di digitalizzazione e informatizzazione per i Comuni e e Unioni, per il territorio, come vettore per la semplificazione per cittadini e imprese. Si prevede un impegno ad hoc della Regione nel definire congiuntamente l’Agenda digitale regionale.
9 su 10 da parte di 34 recensori Bologna, approvata in Consiglio l’Intesa quadro tra Regione e Città metropolitana Bologna, approvata in Consiglio l’Intesa quadro tra Regione e Città metropolitana ultima modifica: 2015-12-28T02:18:32+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone

Lascia un commento