Modena, in gennaio visite all’ex diurno di piazza Mazzini

Ci sarà tempo fino alla fine di gennaio per partecipare alla consultazione del Comune di Modena sul progetto di riqualificazione di piazza Mazzini e per la destinazione dell’ex Albergo diurno. Lo annunciato il sindaco Gian Carlo Muzzarelli spiegando che alcune settimane in più per utilizzare il nuovo strumento on line #chenepensi consentiranno di organizzare in gennaio alcune visite su prenotazione proprio negli spazi del Diurno.

Le visite si svolgeranno sabato 9 (tra le 9 e le 12), giovedì 14 e lunedì 25 gennaio (tra le 15 e le 17.30), in piccoli gruppi accompagnati da tecnici comunali. Le iscrizioni si raccolgono telefonicamente all’Ufficio relazioni con il pubblico di piazza Grande (tel. 059 20312) a cominciare da lunedì 28 dicembre. Sul sito www.comune.modena.it/che-ne-pensi è possibile, nel frattempo, trovare le informazioni sul progetto e sulla storia della piazza e del Diurno, con un video che ha già superato le quattromila visualizzazioni. Chiunque può partecipare alla consultazione che ha l’obiettivo di individuare le soluzioni migliori per la piazza e la destinazione del Diurno, partendo da un’idea preliminare sviluppata dagli uffici tecnici comunali e arricchita dal contributo dei cittadini. I suggerimenti non saranno vincolanti, ma potranno diventare la base del confronto pubblico.

Il #chenepensi è un progetto di partecipazione e fa parte del Piano Modena Smart City introducendo uno strumento per “assemblee digitali” che consente ai cittadini di esprimere un parere, un’idea, una proposta sul tema che di volta in volta viene presentato. La partecipazione è semplice, veloce e aperta. Il #chenepensi non sostituisce le assemblee che si tengono in varie parti della città e che consentono il contatto diretto fra cittadini e amministrazione, piuttosto è un modo per allargare il coinvolgimento e portare all’attenzione della città tematiche specifiche.

I pareri sono raccolti in forma non anonima, sulla base di una scheda per la raccolta delle opinioni, sviluppata dall’Ufficio ricerche dell’ente, da richiedere via mail o da compilare on line. E’ disponibile anche una postazione dedicata all’Ufficio relazioni con il pubblico di piazza Grande. Al momento sono circa 150 le schede compilate. Il termine per partecipare viene spostato dal 10 al 31 gennaio.

Ai cittadini che intendono dare il proprio contributo viene quindi chiesto di esprimersi su come intervenire sulle alberature (toglierle, ridurle, mantenerle tutte), sulle modalità di circolazione e di sosta dei veicoli con l’autorizzazione Ztl, sulle iniziative da organizzare in piazza e sull’arredo urbano, compresi i dehors, sulla pavimentazione e sulle funzioni a cui destinare il Diurno, dopo aver ricordato le varie ipotesi che si sono succedute negli anni: dall’ufficio turistico a spazio espositivo, da deposito per le bici a un “ritorno” alla funzione di bagni pubblici.

Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone