Parma, due settimane di straordinario per la Polizia Municipale

Nel periodo da Mercoledì 9 a Mercoledì 23 Dicembre 2015 la Polizia Municipale di Parma ha effettuato una lunga serie di controlli straordinari del territorio, in ottemperanza alla richiesta della locale Prefettura di intensificare i controlli su strada al fine di aumentare la percezione di sicurezza della cittadinanza e garantire la sicurezza stradale delle strade.

I controlli hanno riguardato buona parte del territorio Comunale, ivi comprese le frazioni tra le quali San Pancrazio, San Prospero, Baganzola, Pannocchia, Vicofertile, Corcagnano e Viarolo.

I numeri sono importanti e significativi: parlano di 92 operatori utilizzati, 49 punti di controllo stradali,22 ore di servizio appiedato nelle zone degradate della città, tra cui l’oltretorrente, il San Leonardo e il Pablo, con l’utilizzo di 42 agenti.

In totale sono state identificate e controllate 480 persone e sono stati fermati 276 veicoli tra cui 88 autocarri.

Sei sono state le denunce per guida senza patente, 8 le auto trovate in circolazione senza assicurazione, 2 le segnalazioni alla Procura per falsi documentali. Le sanzioni in totale sono 123. A queste  si aggiungono 219 sanzioni per il superamento dei limiti di velocità rilevate in seguito a 13 specifici punti di controllo effettuati con gli strumenti per la rilevazione delle velocità.

In 5 punti di controllo sono stati effettuati i controlli qualitativi a campione per l’accertamento di eventuali guide in stato di ebrezza, controllando 48 persone. E ancora, 12 sono i sequestri di veicoli effettuati e 3 i fermi.

Inoltre sono state elevate 6 sanzioni amministrative per violazioni inerenti il degrado urbano.

Nei 15 giorni di controlli numerosi gli episodi singolari capitati agli agenti impegnati:  tra questi,  per esempio, quello di un senegalese che è stato fermato mentre portava il ciclomotore di sua proprietà ad un italiano con il quale aveva concordato la vendita. Peccato che l’uomo fosse privo di patente e il veicolo fosse scoperto da assicurazione e senza la prescritta revisione periodica.

In un’altra situazione è stato fermato un conducente di un autoveicolo che lamentava di aver dimenticato la patente e l’assicurazione a casa. Ad un attento controllo effettuato attraverso i terminali della Centrale Operativa, l’uomo però risultava avere la patente sospesa a tempo indeterminato dal 1986 e l’assicurazione risultava scaduta da più di un anno. Inoltre il veicolo da lui condotto, oltre ad avere la revisione scaduta, aveva dei gravami fiscali per un totale di 76.000 €: l’uomo se n’è andato a piedi e la sua patente è stata revocata.

Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone