Roma, suicidio a San Giovanni si impicca commercialista di 67 anni

Il suo ultimo pensiero lo ha rivolto alla sua segretaria. “Non aprire la porta, chiama qualcuno, le risposte che cerchi le trovi nel cassetto della scrivania”. Così l’uomo di 67 anni, commercialista, alla sua collaboratrice. Il professionista si è ucciso nel suo studio in zona San Giovanni. Era sommerso dai debiti e dalle cartelle esattoriali di Equitalia. Per risanare le finanze dell’impresa e per sperare di tornare in attivo, al commercialista sarebbero serviti cinquecentomila euro, soldi che non aveva e che non sapeva dove trovare. Nel cassetto della scrivania, i Carabinieri della compagnia di piazza Dante, hanno trovato decine di richieste di pagamento rimaste insolute.

Sul caso, indaga la Procura. Il pubblico ministero Marcello Monteleone, titolare del fascicolo, procede per istigazione al suicidio, attualmente contro ignoti. Il magistrato ha già incaricato un medico legale di effettuare l’autopsia del cadavere. I risultati dell’accertamento si sapranno tra sessanta giorni. Gli inquirenti puntano a ricostruire il percorso che avrebbe condotto il commercialista ad accumulare debiti per una cifra così rilevante. Vogliono soprattutto capire se il sessantasettenne sia stato ricattato o minacciato. Per tentare di recuperare i soldi, potrebbe essere rimasto strozzato da un giro d’usura, ma per il momento si tratta solo di un sospetto. Non è escluso che il gesto drammatico sia scaturito dall’impossibilità di sanare debiti regolarmente contratti.

Per fugare ogni dubbio la Procura ha disposto il sequestro dei conti correnti del professionista e l’acquisizione dei tabulati telefonici del suo cellulare. In banca, gli investigatori hanno trovato una cassetta di sicurezza intestata alla vittima, completamente vuota.

Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone