Milano, piazza Castello il Comune promuove concorso internazionale per il futuro dell’area

In passato nacque come grande piazza d’armi, ingresso trionfale al Castello Sforzesco per notabili e soldati incaricati di presidiare e difendere la città. In futuro, invece, sarà una straordinaria piazza d’arti, spazio prevalentemente turistico e monumentale, senza installazioni invasive, in grado di diventare spazio espositivo e di aggregazione, grazie alla sua connessione con il palazzo cinquecentesco, il Parco Sempione e, verso le estremità, l’Acquario Civico e la Triennale.

Con questo obiettivo il Comune di Milano ha deciso di indire un concorso internazionale di progettazione per Piazza Castello – Foro Bonaparte, strumento d’elezione per ricercare la miglior soluzione per riqualificare e rifunzionalizzare l’area, risolvendo anche le criticità legate al sistema della viabilità, della mobilità pedonale e ciclabile, del trasporto pubblico. L’intervento di pedonalizzazione temporanea realizzato in occasione di Expo 2015, infatti, ha evidenziato l’opportunità di giungere ad un suo assetto specifico e definitivo, anche in forma parziale, secondo quanto più volte auspicato anche dal Consiglio di Zona 1.

“La sistemazione dell’area di Piazza Castello, una volta conclusa l’esperienza di Expo e della prossima Triennale di Architettura, quando saranno smantellati gli Expo Gate – spiega l’assessore all’Urbanistica,Alessandro Balducci – può diventare, da essenziale intervento di risistemazione del suolo e della pavimentazione, una grande occasione di rivalorizzazione del cuore della città. Il concorso internazionale di architettura, preceduto dal necessario coinvolgimento della cittadinanza, offre le migliori garanzie per un progetto di qualità”.

Preliminarmente all’indizione del concorso, l’Amministrazione intraprenderà un percorso partecipato in modo da partire dall’ascolto attivo del territorio e raccogliere esigenze, problematiche e aspettative dei cittadini, che potranno così contribuire alla valorizzazione dell’intero ambito di Foro Bonaparte.

Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone