L’Isis vuole mettere le mani su alcune delle rotte più lucrose dell’eroina

Si tratta delle rotte che dall’Afghanistan passano per Iraq, Siria e Turchia. A lanciare l’allarme è Tom Keatinge, analista britannico del Royal United Services Institute (Rusi).

Per Keatinge, i bombardamenti degli ultimi mesi, che hanno preso di mira infrastrutture e carovane petrolifere controllate dai jihadisti, spingono gli uomini dell’Isis a cercare fonti di guadagno alternative per finanziare la loro “guerra santa”.

Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone