Milano, contro le occupazioni crescono e migliorano gli interventi. Il Comune ha tracciato linee efficaci

“A un anno dalla sua sottoscrizione in Prefettura, il Piano operativo per la prevenzione e il contrasto alle occupazioni abusive nelle case popolari sta dimostrando la sua validità.

Gli interventi complessivi da parte di entrambi i gestori, MM spa e Aler, sono aumentati in numero ma soprattutto in efficacia. Per i ‘programmati’, ovvero gli sgomberi di occupazioni consolidate, l’esito positivo riguarda la quasi totalità degli interventi, il 96,5%. Per le ‘flagranze’ gli alloggi vengono liberati nel 70% dei casi. Un salto di qualità rispetto all’anno scorso, quando con la gestione da parte di Aler di tutto il patrimonio Erp cittadino, compreso quello del Comune di Milano, meno della metà degli appartamenti occupati in flagranza veniva effettivamente liberato. E la buona riuscita degli interventi programmati era al 90%.

La presenza degli operatori sociali garantiti dal Comune su tutti gli sgomberi; l’accoglienza dei nuclei con bambini e delle situazioni di fragilità nei centri di emergenza sociale del Comune; l’arrivo di un nuovo gestore, MM Spa, che da subito ha dimostrato capacità d’intervento. Sono queste le linee che l’Amministrazione comunale ha tracciato, che il piano della Prefettura ha recepito e che oggi, dati alla mano, possono considerarsi una buona risposta al problema delle occupazioni abusive”.

Lo dichiarano gli assessori Daniela Benelli (Casa) e Marco Granelli (Sicurezza e Coesione sociale).

Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone