Ferito in un agguato Ciro Moccia contitolare della Fabbrica della Pasta di Gragnano

Ciro Moccia è proprietario con i fratelli della Fabbrica della Pasta di Gragnano. L’uomo è stato ferito in un agguato. Poco prima di mezzanotte l’imprenditore si stava ritirando con il figlio in auto dopo aver lasciato il ristorante annesso allo stabilimento.

Moccia è stato affiancato da un motorino con due persone ed è avvenuto tutto in pochi secondi. Esplosi numerosi proiettili, Ciro Moccia è stato ferito al polpaccio e alla tibia.

Trasportato in ospedale a Castellammare, è stato subito operato e le sue condizioni sono giudicate buone.

“Non sappiamo darci una spiegazione dlel’accaduto – dichiara il fratello Antonino – di solito questi gesti avvengono dopo alcuni avvertimenti, ma noi non abbiamo avuto alcun segnale e nessuna richiesta. Sembra quasi uno sgarro”.

La Fabbrica di Gragnano è un marchio conosciuto in tutta Italia.

In redazione è pervenuta in serata una richiesta di smentita relativa al titolo della notizia da noi pubblicata. Nel prendere atto della richiesta, pubblichiamo di seguito la nota a precisazione e smentita.

“Sono Valentina Carfora proprietaria e amministratrice del Pastificio Il Re della Pasta SRL con marchio registrato e brevettato il Re della Pasta di Gragnano ed il Re della Pasta.

Vi comunichiamo che in data odierna nella trascrizione dell’articolo gambizzato “il re della pasta” di gragnano del sig. Moccia Ciro nonché proprietario della Fabbrica della pasta,
Da stamane stiamo ricevendo innumerevoli telefonate ed email da clienti in merito a tale annuncio.
Si prega di provvedere alla SMENTITA del titolo e alla correzione con il nome del pastificio del titolare in oggetto (La Fabbrica della pasta di Moccia Ciro)”.
9 su 10 da parte di 34 recensori Ferito in un agguato Ciro Moccia contitolare della Fabbrica della Pasta di Gragnano Ferito in un agguato Ciro Moccia contitolare della Fabbrica della Pasta di Gragnano ultima modifica: 2015-11-28T14:31:45+00:00 da Redazione
Condividi su:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Email this to someone